7 opere e 7 domande, alle 7 di mattina, ad illustratori che si svegliano presto o non sono ancora andati a dormire.
Oggi è la volta di Anna Deflorian.

Ciao Anna, di dove sei, quanti anni hai e da quanto fai l’illustratrice?
Trento, ventisei anni, da poco.

Matita o penna grafica?
Matita, matite colorate, gomma, tempera acrilica e colore ad olio.

Cosa fai quando non disegni?
In questo periodo vado in sauna e bevo long drink, ma presto sarò in isolamento in montagna a disegnare tutto il tempo!

Cosa c’è sulla tua scrivania?
Adesso su questa scrivania, che non è mia: il computer, il telefono, l’astuccio delle matite, le chiavi, le mentine, due lattine di lonkero, che è un long drink di cui sopra, dei disegni di qualcuno a matita fatti su una carta tipo perlata non so perché, cartacce, trucioli di matita e gomma.

Un disegno pesa quanto…
Il tempo per cui lo si guarda.

Un libro di cui vorresti illustrare la copertina e un film di cui vorresti fare il poster.
Libro: un manuale di geometria descrittiva. Film: boh, forse “The color of pomegranates” di Parajanov.
Hei, in questa domanda manca la voce “copertina di album”: però non saprei rispondere.

Un illustratore o un’illustratrice che mi consiglieresti?
Non guardo molto l’illustrazione, comunque: Luca Caimmi e Alessandra De Cristofaro.