fbpx
Blanc de Blancs

G.H. Mumm | Blanc de Blancs

Blanc de Blancs

Durante la Milano Design Week, a cui anche quest’anno sono riuscita a sopravvivere, la Maison G.H. Mumm ha presentato in anteprima una nuova prestigiosa etichetta: Mumm Blanc de Blancs. Ovviamente io sono andata ad assaggiare e curiosare.
Si tratta una nuova e preziosa Cuvée, caratterizzata da grande freschezza ed eleganza.

Il tratto distintivo di Mumm Blanc de Blancs è di non essere composto  da un blend di Chardonnay, Pinot Noir e Pinot Meunier, ma al 100% di Chardonnay e non da un qualsiasi Chardonnay,  ma di quello che proviene dalla produzione di una sola annata del vigneto di Cramant.
Mumm Blanc de Blancs perciò è un vino prodotto in piccole quantità, dominato dalla freschezza, dalla finezza, da un perlage minuto e leggero e dalla mineralità, conseguenza della sua provenienza dal terreno gessoso della Côte des Blancs, nel cuore della regione della Champagne.

Si presenta di un colore giallo tenue e luminoso, ed al naso sprigiona profumi di fiori bianchi, frutta fresca e limone; inizialmente è delicato al palato ed immediatamente piacevole, termina poi con un finale ricco e persistente.
Andrebbe servito tra gli 8 e i 10 gradi (massimo 12° se accompagna un pasto) ed è ideale per l’aperitivo ma anche per accompagnare piatti a base di pesce.

Per dar vita all’etichetta di questa nuova Cuvée e rimarcare il suo legame con l’artigianalità e la passione per il lusso G.H. Mumm, ha scelto di unirsi a Montblanc, storica icona lifestyle. Le due Maison unite da tradizione, storia e raffinatezza hanno dato vita ad una bottiglia che attinge alle tradizioni del passato. Notate  l’angolo superiore  dell’etichetta ripiegato verso l’interno? E’ stato pensato così per richiamare l’uso di una volta dei biglietti da visita: il lembo piegato testimoniava che la bottiglia di champagne era stata consegnata a mano.
Come a dire: Mumm Blanc de Blancs è un prezioso dono tra persone che si conoscono e si stimano!
Mi piace molto la bottiglia e l’etichetta, ma ancora di più questo champagne così delicato e leggero.

co-fondatrice e caporedattrice

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Altre storie
Track21 A
Track21: da BasileADV e dalla type foundry Resistenza l’immagine e il packaging di una nuova birra italiana