Perrier-Jouët 200th Anniversary Party | L’invito

Come avevo già scritto, il giorno di San Valentino mi è arrivato uno strano invito: vuoi andare a Parigi a festeggiare lo Champagne? Io ancora un po’ assonnata o semplicemente in vena mielosa avevo capito : “vuoi andare a Parigi a festeggiare con dello Champagne ?”. E con chi?!

Poi non ho più sentito nulla per molte settimane, finché non è arrivata un’ email del mio amico Brian Leavy, giovane e brillante mente che sta dietro a Materialiste ed a moltissimo altro ancora. Brian si faceva portavoce di Perrier-Jouët Francia e mi invitava a raggiungerlo a Parigi, insieme a Jean Aw di Notcot e Evan Orensten di Coolhunting, e a partecipare giorno 21 marzo alla Festa per il duecentesimo anniversario della Maison Perrier-Jouët… a festeggiare lo Champagne appunto.

Ho capito che si trattava dello stesso invito solo perché le date coincidevano, in pratica noi di Frizzifrizzi, nella persona della sottoscritta, siamo stati invitati da due diverse organizzazioni (quella italiana e quella francese) a partecipare ad una festa super esclusiva: 200 persone da dieci diversi paesi nel mondo, per festeggiare i 200 anni della Maison a fiori.

E se “tutti mi vogliono, tutti mi cercano”, ovviamente io accetto!
Peccato che, presa come ero dall’entusiasmo di tornare in Francia a giocare all’intenditrice di champagne, di rivedere vecchi amici (Brian, Jean e Evan), di partecipare a un’ evento riservato a pochi fortunati non mi sono soffermata ad aprire il piccolo allegato alla email di Brian, ovvero il cartoncino virtuale dell’invito alla festa che, come si poteva immaginare, recava scritto: Black Tie.

Sapete tutti che significa vero?
Pazientate , domani conoscerete il resto della storia.

Altre storie
Track21: da BasileADV e dalla type foundry Resistenza l’immagine e il packaging di una nuova birra italiana