Norwegian Rain

Neither simply T-shirt, nor leather jackets. Is rainwear “only”.

Mi rendo conto che non è stagione per parlare di pioggia, ma, visto il devastante caldo, ho sentito la necessità di trasportare il mio essere altrove. Bergen (Norvegia) è stata la soluzione.

In una città dove piove per due terzi dell’anno, conosciuta anche come la città in assoluto più piovosa d’Europa, non poteva che nascere un brand tecnologicamente avanzato nella progettazione di raincoat. E, alla semplice visione dell’abito impermeabile, è qui che sono nati, nascono e nasceranno alcuni degli sconfinamenti più piacevoli e croccanti fra abito stesso, arte, design e progettazione.

Norwegian Rain dà il suo contributo fondendo visuali provenienti da diverse culture nel più semplice impermeabile. Si attraversa il rigore lineare tipico nella visione stereotipata nordica, con colori freddi e melange grigio fumo, per approdare in volumi che ricordano vagamente  il Kimono da Geisha che lascia il fastoso hyper dècor giapponese per approdare a sfumature più minimal.

Sono decisamente contento di questa “botta” di fresco, ci voleva.

Altre storie
Tesori d’archivio: le illustrazioni di moda di fine ‘800 / inizio ‘900