Max Colour Effect di Max Factor

Eccomi, un’altra mattina in quel di Milano (credo che dovrò inziare a cercare casa). Questa volta Frizzifrizzi è stato invitato allo spazio Wella in occasione della presentazione della nuova collezione Max Colour Effect di Max Factor per la primavera/estate.

Insieme alle altre fortunate, entriamo in una stanza illuminata a giorno; di fronte a noi una decina di banchi corredati da enormi specchi. Sopra i tavoli, sono messi in bella vista alcuni pennelli, dischetti di cotone, salviette struccanti e crema idratante. Dopo un veloce coffee break, ci accomodiamo diligenti come a scuola. Di fronte a noi, Rajan ed una serie infinita di prodotti che ci fanno l’occhiolino.

Credevo che ci avrebbero solo presentato la nuova collezione e spiegato alcuni tips; invece no, troppo semplice. Dopo due minuti siamo invitate a struccarci in diretta (sigh) mentre Rajan illustra i due nuovi look: da una parte tonalità marroni (Lagoon) e dall’altra blu (Soft Candy Sweetness). Scegliamo quale provare e via.

[nggallery id=140]

Partiamo con una base di fondotinta, sopra cui applicare una tonalità più scura da sfumare sull’esterno dello zigomo. Poi passiamo a truccare l’occhio, ci consegnano il Trio Eyeshadow del colore prescelto. Si applica la tonalità più scura sulla palpebra mobile, poi quella media all’interno dell’angolo e infine la più chiara va sotto le sopracciglia, sfumando di volta in volta con le dita.

Blush in crema sfumato sugli zigomi e poi di nuovo focus sugli occhi. Prima il volumizzante False Lash Effect (tra l’altro eletto a prodotto dell’anno 2010 e ora disponibile in limited edition con packaging arancione) da applicare solo alla base delle ciglia superiori; poi il mascara Lash Extension Effect (versione Waterproof) sulle punte, da passare ripetutamente e velocemente fino a raggiungere il risultato desiderato. Un ritocchino alle sopracciglia con la matita e il gioco è fatto.

La nuova collezione è in vendita in questi giorni e ci trovate anche il Dip-In Eyeshadow (con applicatore in spugna per una maggiore precizione d’utilizzo) e il Mini Nail Polish.

contributor

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Altre storie
Tesori d’archivio: le illustrazioni di moda di fine ‘800 / inizio ‘900