Shorn Studio: finto informale

Gli esperti di moda e styling ci invitano spesso a giocare con le proporzioni, a farle nostre per poi sovvertirle, facendo finta di ignorare che la riuscita di un mixaggio ardito è inversamente proporzionale all’armonia delle proporzioni (passatemi la ripetizione tripla) di un corpo.

Shorn Studio by John Pletzke da Boston, coi suoi toni pacati, invita alla normalità proponendo una linea di abbigliamento non bella e di semplicità apparente, formattata sui valori medi sui quali si stabilizzano tendenzialmente tutte le corporature.

Sono vestiti flat, che non esaltano e non penalizzano e che, a differenza dell’abbigliamento basic, non invitano a personalizzazioni… perfetti così come appena usciti da un Postalmarket tedesco dei primi anni ’90.

Al momento in Italia non ci sono rivenditori, ma per proporvi fatevi sotto a questo indirizzo: [email protected].
E per rifarmi, prometto che il mio prossimo post sarà dedicato a quei lettori che personalizzano anche il pigiama!

Altre storie
LenzuoLino: la riscoperta di un “nuovo” antico lino passa per un corredino da culla