Cara Lisa Fleck,

Lisa Fleck

chissà se mai ti avrei notata senza quegli occhialoni neri vintage, senza l’elastico tra i capelli, senza quell’enorme rosa bianca che ti sei appuntata con nonchalance nella chioma. Il fatto è che, Lisa, un pochino ti invidio, parte di una generazione di designers della comunicazione il cui futuro era pieno di speranze e ora si ritrova a fare tutt’altro che un lavoro “creativo” (virgolette, pls).

Ma so che hai grandi progetti, ti stai per laureare, ti sei spostata dall’Austria all’Olanda e mi sembri pure abbastanza ambiziosa. Io credo in te. Ho visto le tue fotografie fashion in b/n e a colori (ma hai disegnato anche gli abiti?) e sono davvero molto belle. Ho visto che hai creato deingrz e questo ti fa onore perché non è così semplice creare una font nuova; impagini pure con rigore!

Ti manca solo un video e un centinaio d’ore di post-produzione e sarai la mia paladina.

A presto!

contributor

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Altre storie
L’eredità di Enzo Mari