fbpx
atticus pimp your diary

Atticus lancia il concorso Pimp your diary

Pimp your diary

Avete presente i genitori orgogliosi che appendono al frigo o alle pareti della cucina gli scarabocchi-capolavoro fatti all’asilo dai loro pargoli? Beh, i miei venivano imboscati tanto erano brutti.
Al liceo (scientifico) avevo un’unica insufficienza: in disegno, che recuperavo solo con estenuanti ricerche di Storia dell’Arte.

Tenuto conto di questo, pensate che mi sia mai venuto in mente di disegnare sul mio diario scolastico oppure pensate che qualche compagno di classe mi abbia mai chiesto di disegnargli qualcosa sul suo di diario?
Mai!!!

Mi sono sempre e solo limitata ad “invidiare” quelli panciuti, colorati, zeppi di immagini e pensieri delle mie compagne.
Inutile dire quindi che non avrei mai e poi mai partecipato al concorso Pimp your diary di Atticus e che se anche lo avessi fatto, scommetto che non avrebbero mai pubblicato la mia opera…

Quelli di voi che non sono come me però possono partecipare, il regolamento è semplice. Vi basterà:

• Richiedere lo sticker in negozio
• Incollarlo sulla vostra agenda
• Dimostrare la vostra creatività personalizzando a piacimento la pagina della vostra agenda con lo sticker
• Fotografare la pagina e inviare l’immagine a: [email protected]
• Le più originali e divertenti riceveranno in premio abbigliamento e accessori Atticus collezione Fall Winter 2009 e biglietti per le date italiane dei Muse
• Tutte le immagini verranno pubblicate sul sito dove verranno scelti e premiati i vincitori
• Il concorso si concluderà il 31 ottobre 2009.

P.s.
Per chi non lo sapesse Atticus è il brand di abbigliamento fondato nel 2001 da Tom DeLonge e Mark Hoppus dei Blink-182, assieme all’amico d’infanzia Dylan Anderson. Il nome deriva da Atticus Finch, avvocato protagonista del libro Il buio oltre la siepe del 1960 di Harper Lee.
La mission del brand è quella di aiutare il più possibile piccole band alternative di tutto il mondo supportando eventi, compilation e festival.

co-fondatrice e caporedattrice

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Altre storie
Missive Selvatiche buste
Missive Selvatiche: un progetto di “resistenza artistica” che arriva nella buca delle lettere