Suno New York

Suno New York

Mio nonno materno (allora ventenne) ha partecipato (caporale addetto alle comunicazioni) alla sciagurata campagna di Etiopia. Dell’Africa, a parte i quasi cinque anni di prigionia in un campo inglese e delle sofferenze patite, aveva ricordi bellissimi e quella nostalgia per i colori della natura e della persone che accompagna chiunque ha visitato l’Africa fuori dai posticci resort turistici.
Da lui ho ereditato (a dire la verità le ho “sottratte” dalla sua casa quando lui ormai non c’era più) delle vecchie foto ritratti di donne, vecchi e bambini nei costumi tradizionali etiopi e kenioti. Le ho custodite come un tesoro segreto per anni in un cassetto chiuso.

Quando ho visto le immagini della collezione FW 09-10 di Suno ho pensato immediatamente a quelle foto e sono andata a rivederle.
Non sbagliavo molto, Max Osterweis designer americano di Suno, ha iniziato collezionando tessuti del Kenya acquistati come souvenir di viaggio, ad un certo punto un paio di anni fa ha pensato che era ora di fare qualcosa con quei tessuti ed allo stesso tempo di dare una mano alla popolazione di quel paese da lui tanto amato.
Così ha creato Suno, un brand pensato e disegnato a New York, ma realizzato in Kenya da artigiani locali con tecniche tradizionali. Con risultati eccellenti, direi!

co-fondatrice e caporedattrice

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Altre storie
LenzuoLino: la riscoperta di un “nuovo” antico lino passa per un corredino da culla