:-O AAAAAAAAAA™

AAAAAAAAAA™

Open up and say AAAAAAAAAA™!
No, non è un urlo disperato perchè non trovo nessun designer emergente. Quest’urlo è di Daria Dazzan e Matteo Cibic.

AAAAAAAAAA™ è la voglia di far sentire il loro progetto/brand/workshop, tutto unico nel suo genere. Probabilmente si sono stufati della ciclicità delle stagioni della moda. Stanchi della velocità con la quale gli stili cambiano e diventano out, passati, non più mettibili. Ecco, quindi, un nuovo modo di pensare la sartorialità che, di questi tempi, si annebbia, quasi eclissandosi, dietro il fumo dei camini di enormi industrie.

AAAAAAAAAA™

Un modello di pantaloni, si tutto qui! Un solo modello, evergreen.
Però, ragazzi, che pantaloni. Tutti fatti a mano, fino ai più piccoli particolari. Bottoni, asole, cuciture. Una costruzione sartoriale non da poco.  C’è una ricerca affannosa di tessuti vecchi e nuovi che vengono abbinati in tutta la creatività sfornata da “i due dell’urlo”.

AAAAAAAAAA™

Ma quello che li contraddistingue davvero è l’unicità di ogni pezzo. Sono tutti numerati (io ho il numero 7!!) e ne vengono prodotti solo 10 al mese.
Quindi, stop al pensiero malefico di ogni serata di gala “speriamo che nessuno abbia il mio stesso vestito!” (anche se non è il mio caso, io ed i gala siamo due cose separate).

Ah, dimenticavo, finalmente tornano le brettelline incorporate nel pantalone. Bando ai jeans che tagliano in due il sedere mostrando mutande spesso poco sorridenti.

AAAAAAAAAA™

Altre storie
LenzuoLino: la riscoperta di un “nuovo” antico lino passa per un corredino da culla