Tu mi fai girar…

Marco Piccari

Hanno tutta l’aria di fascinose dive consumate, chissà se reduci da una burrascosa storia sentimentale, le bambole di Marco Piccari.
Espressione nostalgica e abiti chic, ognuna di loro racconta una favola, romantica e a volte un po’ tetra. Curate nei dettagli, mantenendo comunque quella componente handmade ruvida che le rende pezzi unici, les dames non nascondono la loro vanità, anzi, la esibiscono senza pudore.

Marco, 27 anni, è originario di Bisenti (TE); modellista calzaturiero qualificato, è laureato in costume e moda a Rimini e conta anche un’importante ed intensa esperienza ai servigi di Paola Frani nel ruolo di assistente di produzione. L’ho conosciuto solo pochi mesi fa, ma mi ha già conquistata con la sua ironia e la sua galante discrezione dietro alla quale brulica una quantità indicibile di idee.

Nei corpicini bizzarri delle sue dive di pezza svela uno dei pregi che certamente gli porterà tanta fortuna: una delicata emotività grazie alla quale tutto ciò che passa tra le sue mani diventa prezioso.
Scampoli, ma anche stoffe più ricercate, perline, bottoni e fili di lana, eppure non siamo davanti alle tradizionali bambole della nonna, anche se l’esperienza di Marco guarda a quel passato domestico e familiare con tanta tenerezza. Le pupe si sono emancipate ed eccole davanti a noi, moderne mannequin, non più compagne quotidiane e remissive ma piccole grandi “donne” strapazzate dai capricci del cuore e della moda.
«No ragazzo no, tu non mi metterai tra le dieci bambole che non ti piacciono più!».

Per avere maggiori informazioni, è possibile contattare direttamente Marco all’indirizzo [email protected].
Le sue bambole sono già state esposte in occasione dell’iniziativa “Cantine Aperte 2008” per la cantina Filomusi Guelfi di Tocco da Casauria (PE) e la collezione è in continuo aggiornamento.

Marianna Balducci
studentessa del corso di Laurea Magistrale in Moda dell’Università di Bologna – Polo di Rimini ed orgogliosa membra del progetto MaMoFrizzi.

Marco Piccari

Marco Piccari

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Altre storie
LenzuoLino: la riscoperta di un “nuovo” antico lino passa per un corredino da culla