Basura Bags

Basura Bags

Basterebbe dire che tutti i profitti tornano indietro al paese d’origine, per convincerci del loro successo, ma non è solo questo.
Le borse Basura (spazzatura in spagnolo), sono borse fatte a mano, quindi ognuna è un pezzo unico, sono ricavate dalla spazzatura raccolta dalle strade dell’Hunduras e sono totalmente riciclabili.

Negli States sono già gettonatissime, e noi le promuoviamo volentieri in quanto ecologiche e perché i ricavi serviranno ad aiutare le famiglie dell’Hunduras e ad assicurare un’istruzione ai bambini.

  1. sono d’accordo con mau… io ne ho una da più di un anno della ecoist… i modelli sono similissimi, copie sputate!!!! ma questi di Basura non potevano fare una cosa diversa, pur decidendo di usare la “spazzatura” come scelta stilistica? se proprio erano fissati con le borse avrebbero almeno potuto cambiare modelli… siamo ai limiti del plagio!

  2. Sono arrivati secondi; non basta la buona finalità ad assolverli dall’accusa di avere spudoratamente copiato.
    Spazzatura. Appunto.

  3. mah…guarda ultimamente non vedo in giro troppa originalità anzi…
    comunque mi sa che hanno scopiazzato bellamente…

  4. Ciao a tutte…una risposta per tutti i posti che parlano di plagio.

    Conosco e faccio questa tecnica da circa due anni, da quando mio cognato mi portò una borsa dal Venezuela. Con determinazione e ricerche sul web ho imparato la tecnica e..ho regalato borsettine a tutti. Vi garantisco che non ci sono molti modelli che si possono realizzare con questa tecnica! E' pura geometria,( per questo non la amo molto). Non ci sono molte varianti, anche se io mi sto sforzando di inventare altri modelli.

    Tutte le borse presenti sul web sono realizzate da cooperative di donne in paesi svantaggiati, e i modellil si differenziano solo nel colore.

    Non c'è plagio, ma solo quasi impossibilità di creare altre forme.

    Saluti

    Carmela

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Altre storie
Laju Slow Apparel: un nuovo marchio che è un inno alla lentezza