Le vostre segnalazioni: Balla Billa Bag

Balla Billa Bag

Mi toccherà fare outing e raccontarvi che non ho mai imparato ad andare in bicicletta. Non ci ho mai neanche veramente provato, neanche da bambina con quelle dotate di rotelle posteriori. Odio le due ruote, è una questione di equilibrio, nella mia famiglia ne siamo tutti scarsamente dotati.

Così anche quelli che come mio fratello ci hanno provato e riprovato impavidamente, hanno rimediato solo croste di dimensioni veramente eccezionali sulle ginocchia. Devo dire che negli anni un sacco di volte ho pensato che sarebbe stato meglio imparare, come quella volta (avevo 18 anni) a Key West (Florida) che sono dovuta restare in albergo mentre i miei amici erano andati a fare un giro in bici al tramonto… O come oggi pomeriggio, quando mi è arrivata la mail di segnalazione di queste borse.

Balla Billa Bag è un’originale linea di borse da bici. Nata come qualcosa di utile, è diventata un fantastico accessorio moda.

Disponibile in varie versioni e colori, è fatta a mano, con pelle resistente all’acqua, progettata e realizzata in Italia, solo con materiali italiani. Pare sia facile da applicare sul portapacchi della bicicletta, inoltre il manico sganciabile permette di rimuovere la borsa dalla bici e di portarla con sé.
Troppo tardi per imparare?!

co-fondatrice e caporedattrice
  1. Ok, lo ammetto…neppure io so andare in bicicletta…il mio primo morosino al liceo ci ha provato a insegnarmi, con una bici che aveva sistemato e che mi aveva regalato per il compleanno, sotto i portici di via saragozza, tra la gente perplessa che mi guardava incuriosita. Poi mi ha mollato…e si è tenuto la bici…morale, ora che da due anni non ho la macchina, vado a piedi e conosco a memoria le tabelle orarie del 20! ;-)E continuo a non saper andare in bici…e neppure sui pattini! Queste borse sono decisamente carine, per la bici della mia migliore amica! Ottima segnalazione!

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Altre storie
Tesori d’archivio: le illustrazioni di moda di fine ‘800 / inizio ‘900