Ugly dolls

UglydollsDi pupazzi simili ne avrete visti un sacco in giro, ma questi Uglydolls sono gli originali e sono nati nel 2001, dalle menti di Sun-Min Kim e David Horvath. Quando li ho visti a Londra, me ne sarei comprati a iosa, peccato per la valigia già piena – che ho dovuto pure imbarcare perchè come bagaglio a mano era un pò ingombrante – e per il prezzo.

Ma vedo sullo shop che grazie all’inflazione, il cambio con il dollaro non è così male. Forse è la prima volta che sono contenta dell’euro.

Sul sito trovate pure la versione mignon di questi morbidissimi toys che hanno ricevuto lo scorso anno il premio come miglior giocattolo. Date un’occhiata anche alla sezione comics, creata ad hoc, e alla gallery con le foto delle celebrities. Fatto? Allora qualcuno mi spiega chi è Antonio Sabato?!

contributor
  1. wikipedia…insegna

    Figlio dell’attore italiano Antonio Sabato e di Yvonne Kabouchy, di origine ceca. All’età di dodici anni si trasferisce, con la famiglia, negli Stati Uniti, più precisamente a Los Angeles in California.

    All’inizio degli anni ’90 si fa notare per una campagna pubblicitaria di intimo per Calvin Klein e appare, assieme a Djimon Hounsou, nel videoclip di Janet Jackson Love Will Never Do (Without You). Dal 1992 al 1995 prende parte alla soap opera General Hospital, successivamente ha recitato in Progetto Eden.

    Prende parte al serial tv Melrose Place e al film Il grande colpo con Mark Wahlberg. Ha preso parte ad un episodio di Oltre i limiti ed ha interpretato Bane Jessup in Streghe. Nel 2005 entra nel cast della soap opera Beautiful nel ruolo di Dante Damiano.

    Ha due figli, Jack Antonio (nato nel 1994) avuto dall’attrice Virginia Madsen e Mina Bree (nata nel 2002) avuta dalla compagna Kristin Rossetti.

  2. Pur essendo non bellissimi, sono molto simpatici e suscitano tenerezza^_^
    Li preferisco nella versione little!

    Stavo per scrivere qualcosa in merito ad Antonio Sabato ma vedo che già è stato scritto tutto nel commento:D

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Altre storie
The Stroke: un’improvvisazione jazz su un corto d’animazione disegnato a mano dal calligrafo Vincent de Boer