Le vostre segnalazioni: B-kiut

033.jpg026.jpgTempo fa ci ha scritto un gruppo di ragazzi per pubblicizzare il loro lavoro, solo adesso troviamo il tempo di scrivere due righe su di loro.
Si chiamano B-kiut (dall’inglese be cute, riletto in italiano bichiut e trasformato nel loro nome b-kiut), creano orecchini, spille e molto altro in cernit, fimo e perline colorate.
Si girano in lungo e in largo feste e fiere per vendere i loro prodotti che, adesso, si possono acquistare direttamente dal loro sito, infatti hanno un loro shop online.

I prezzi sono davvero convenienti, dai 5€ fino a un massimo di 10€.

co-fondatrice e caporedattrice
  1. Mi associo ad ania(memole).
    Sono bravissimi.
    Beati loro che possono permettersi il lusso di copiare e hanno i soldi per creare un sito web professionale.
    Sono davvero delusa..
    Registrerò il marchio al più presto per evitare altri inconvenienti come questo.

  2. Io non sono nel settore, ma credo che questo tipo di lavori siano un po tutti simili… traggono influenza dal giappone e dall’oriente in genere!
    Se i vostri lavori sono simili non credo che sia un problema, e credo piuttosto arrogantello pensare che i ragazzi di B-kiut abbiano copiato i vostri lavori anche perchè non credo che voi siate le depositarie dello stile “japan”. (anche voi avrete preso ispirazione dai cartoon o fumetti come loro… e vi assicuro che su questo sito potrete trovarne moltissimi altri)
    In tutta sincerità vi dico che ricevo innumerevoli mail di gente che produce oggettini simili e che pochi sono “originali” o “unici”.
    Per il fatto che abbiano un sito professionale hanno la fortuna di avere un socio che si occupa di queste cose (me lo hanno scritto nella mail), imparate anche voi, trovatevi un amico che si occupa della promozione via internet e dividetevi i compiti e i guadagni… e in bocca al lupo!!!

  3. Beh.. io leggo spesso gli articoli di questo sito.. vi seguo molto e sono solo una lettrice di passaggio, come molti credo, ma devo sostenere la tesi delle persone che hanno scritto i primi commenti, che non mi sembrano arroganti, ma deluse (come mi sento anche io dopo aver visto che pubblicate articoli solo per il gusto di spiattellare qualcosa di nuovo senza verificare la buona fede di chi vi scrive).. Ho dato uno sguardo ai link presenti nei nomi delle persone che hanno scritto prima, e sinceramente credo che non solo loro sembrino essere più originali, ma pur traendo ispirazione dallo stile japan (del quale nessuno è depositario) riescono a renderlo ognuno proprio e simpatico senza scopiazzature gli uni dagli altri…
    Il trarre ispirazione da nime e manga ovviamente non è inteso come originalità, ma se dallo stile japan-kawaii riesci a trarre qualcosa di tuo… che sia sacro allora.. esiste anche il rispetto delle creazioni altrui.. con o senza marchio registrato.. ma evidentemente i ragazzi dell’articolo non sanno cosa significhi..
    Peccato, sono molto bravi.. se solo avessero più rispetto e fantasia..
    E tu Ethel, che scrivi in questo sito.. mi sembri tu l’arrogante, che non hai nemmeno l’umiltà di ammettere che l’articolo che hai pubblicato parla di persone che scopiazzano il lavoro altrui.. purtroppo la cattiva pubblicità in questi casi.. non è d’aiuto..

    Nella speranza che possiate imparare a verificare la qualità delle cose che scrivete.. continuerò a seguirvi fiduciosa..
    Un saluto
    Mariarita

  4. A me sembra assurda questa discussione, io tendo sempre a moderare ma non riesco proprio a capire perchè prendersa con i ragazzidi B-kiut… non sono a conoscenza del fatto che abbiano copiato a meno qlc, se fosse così basta dirlo e non sottointenderlo. Se le ragazze dei commenti si sentono defraudate e possono dimostrarmi questa cosa sarò ben contenta di sentire le loro ragioni, ma leggendo i vostri commenti sembrano un po’ senza fondamento… Con questo non escludo che abbiate ragione…

    – Per Mariarita: se a te piacciono i lavori delle altre ragazze che hanno commentato (e li reputi gli “originali”,buon per te, insegnami come fai a capirlo perchè a me sembrano uguali a centinaia di altri che ho visto)…
    A me piacciono i lavori di tutti e di nessuno, ho solo segnalato un prodotto di ragazzi che a luglio ci hanno scritto, e dato che in fondo si tratta di piccoli ciondoli e anellini, non credo che uno debba verificare l’originalità ecc… come avrei potuto fare??!? contattare le innumerevoli ragazzine che creano gioiellini??! ma hai presente quante ce ne sono?!?!
    Non credo che frizzifrizzi abbia mai mancato di rispetto a nessuno, e non credo che il nostro articolo trasformerà i ragazzi di b-kiut in una potenza mondiale dello stile japan capace di rubare le preziose idee delle altre ragazzine che fanno cose simili…
    Mi sembra assurdo e basta… sul fatto di essere arrogante probabilmente hai ragione, ma sentire dire che qlc copia qlc altro senza chiare spiegazioni mi sembra assolutamente ridicolo e gratuito… solo una domanda Mariarita: come fai ad essere sicura del fatto che abbiano copiato? Sei depositaria di qul verità a noi sconosciuta? Rendimi partecipe e allora si vedrà…

  5. no forse non avete capito… un conto e’ trarre aspirazione dallo stesso soggetto, u conto e’ copiare forma, dimensione e caratteristiche dell’oggetto. ce ne passa un bel po’.
    e comunque se si prende ispirazione da qualcuno, comeminimo lo si cita, molto semplicemente. conosco le ragazze che si stanno lamentando e conosco i loro lavori e sono obbietivamente identici.
    questa e’ del 2006ed e’ di una ragazza di flickr.
    http://www.flickr.com/photos/k3ndra/185374953/in/set-72057594078942472/
    solo per fare un esempio.

    questa e’ pura copia eh!
    redattori di frizzifrizzi,guardate e poi eliminate ‘articolo, e’ molto triste…

  6. erm,
    iio penso che produrre materiale sul filone (scusate non sono pratico del settore quindi passatemi i termini) cartoonesco/fumettistico/jappo sia una scelta che chiunque può fare; se poi la persona A lo fa prima della persona B, questo non le dà comunque, credo, diritto di rivendicare una priorità o un’esclusiva.
    ho guardato velocemente i link dei vostri due commenti e ho trovato due lavori simili, è vero, ma, sempre da ignorante visto che non pratico cernit e derivati hehe, come si può rivendicare unicità su una figura come l’arcobaleno? e come si può creare, in maniera differente, un viso di un maiale visto dal fronte?
    senza cadere nel paradosso, allora sarebbero da linciare tutti quelli che fanno i braccialettini di pelle uguali, tutte quelle centinaia di magliette con la figura della donna che si spara in testa da cui escono le farfalle (ce ne saranno decine di esemplari, tutte firmate da autori differenti), se non addirittura tutte le scarpe da ginnastica, tutte le macchine che hanno quattro ruote o .. che ne so .. tutte le tazze fatte a mano, tutti i cappellini di lana fatti a mano.
    occhei, la lista potrebbe essere anche più lunga.
    credo si cada in errore quando si cerca di rivendicare una certa creatività, di per sè innegabile, che però non può ritenersi assoluta, esclusiva, insiindacabile.
    lavori di questo tipo esistono da anni e anni e anni e anni. e non mi pare che questi ragazzi di bkiut vadano in giro a professare che i loro pezzi sono più unici che rari.

    ah, altra cosuccia.
    di soldi per fare il sito web non ne hanno sborsato neanche uno.
    ormai sono addirittura in avanzo gli amici e le amiche che sanno tirare in piedi un po’ di codice html e un po’ di grafica carina. voi non ne avete? mi posso offrire addirittura io :)

    frizzifrizzi non penso abbia sbagliato nel pubblicare quest’articolo.
    la cosa che poteva fare era magari riunire in un post unico varie realtà simile, segnalando più di un sito soltanto.

    con questa, che voleva essere una risposta breve, vi auguro buona notte.

    non c’è bisogno di adirarsi su questa cosa.
    penso fosse sufficiente segnalare a frizzi ‘ei, lo sai che ci sono anche io che faccio quete cose?’ e con molta probabilità si poteva aggiungere una coda aggiuntiva all’articolo.
    così facendo invece rimane un po’ d’amaro ..
    in ste cose si dovrebbe essere tutti sulla stessa barca.

    abbracci.
    m

  7. ps: ah .. lavori tipo “calamita nubabba” .. a me pare che siano poco jappo e più spirito creativo personale, no? non mi pare di averne viste in giro.
    teschietti&co invadono ogni mercato, quello è un discorso a parte.

  8. ok.
    vi scrivo in privato.
    Non sono una persona che ama i litigi..anzi.
    Ho scritto anche ai ragazzi di b kiut e sono stata gentilissima nei loro confronti,perchè io non ho mai detto che hanno copiato TUTTO da me! Anzi io li reputo molto bravi.
    Per quanto riguarda l’arcobaleno tu hai ragione,però è il modo in cui l’arcobaleno è stato fatto,vabbè..
    Ma c’è un oggetto in particolare che mi ha convinto che anche gli altri due erano stati presi ma de…l’angioletto (che nel mio flickr no c’è) appena trovo le foto (che risalgono a 3 anni fa) ve le mando.
    Vi prego evitate di schierarvi dalla loro parte solo eprchè loro sembrano più professionali.
    Emme: Io creo con il fimo da 6 anni e avevo anche un negozio ebay fino a due anni fa,non sono una alle prime armi.
    Purtroppo non conosco nessuno che mi sappia aiutare a creare un sito e spero di trovare presto i soldi per registrare il marchio ed essere così più tutelata.
    Non volevo sembrare arrogante (anche se avrei tutto il diritto di essere arrabbiata)
    Spero di essermi chiarita.
    IO sono una persona che ama scambiarsi idee e consigli con gli altri ragazzi che fanno cose creative,ho anche creato un gruppo su flickr proprio per questo!!Non sono proprio il tipo che mette zizzania..

  9. “non c’è bisogno di adirarsi su questa cosa.”

    questo è il tipico commento di chi “da fuori” commenta e non capisce che dietro anche a un semplice arcobaleno fatto in una certa maniera ci possa essere lo studio di una persona, che con pazienza si mette lì e fa mille prove, finchè non esce qualcosa di carino. E poi vederselo scoppiazzato abbastanza spudoratamente (lo so che è solo un arcobaleno, ma ci sono mille modi diversi di realizzarlo, mille stili… guardacaso è uguale a quello di PinkRain) non dovrebbe suscitare in lei nessuna rabbia, anzi dovrebbe proprio starsene zitta e non commentare nemmeno quest’articolo.

    “penso fosse sufficiente segnalare a frizzi ‘ei, lo sai che ci sono anche io che faccio quete cose?”

    Credo che tutte le persone in questione (mi pare di non sbagliare, ma se sbaglio correggetemi) siano già state segnalate da frizzifrizzi in passato e cmq, per quel che vale, pure a me sembra che i ragazzi di B-kiut abbiano tratto fin troppo ispirazione da Pinkrain, sono anni che seguo il suo blog, il suo negozio online di ebay, e se non avessi letto tutta questa discussione, capitando per caso sul sito di questi ragazzi avrei potuto pensare che ci fosse dietro lei, vista l’eccessiva somiglianza dei loro lavori ai suoi. Sono convinta che Frizzifrizzi riceva quintalate di segnalazioni ogni giorno, a giudicare dalla quantità di blog che nascono come funghi, di “ragazzine” che creano cose simili (ehm, se a 25 anni ci possiamo ancora considerare ragazzine… ihihi). Cmq secondo me un minimo di controllo su quello che viene pubblicato ci dovrebbe essere, e se qualcosa alle volte sfugge (perchè può capitare), bisogna anche aspettarsi che qualcuno vi segnali la svista, senza nessun rancore e sempre del rispetto del lavoro altrui.

  10. – Pinkrain: se il tuo commento è stato pubblicato contro il tuo volere mi spiace, ma abbiamo il programma che una volta registrati lo fa automaticamente.

    – Emme: Sono d’accordo con te sul fatto che un po tutti si assomigliano in questo settore, almeno questo passatemelo vi prego…

    – Sul fatto che abbiano copiato o meno io non mi metto in mezzo, non sono assolutamente di parte, ma leggere commenti senza rimandia link o prove tangibili scusate mi innervosisce ed è piuttosto vacuo (wendy hai fatto bene a dire la tua con la tue impressioni).

    -Poi i commenti che fate su frizzifrizzi sono piuttosto offensivi, noi semplicemente abbiamo dato uno spazio a dei ragazzi che ci hanno segnalato un prodotto (a logica come facevamo a verificare??!?!? E cosa poi?!?!?!?), noi non facciamo favoritismi.
    Mi sembra assurdo che ci si dica: “Nella speranza che possiate imparare a verificare la qualità delle cose che scrivete”… scusate… ma credo che prima di adesso nessun blog che tratti di moda in maniera trasversale abbia voluto dare spazio a piccole realtà come queste… vi invito a vedere chi Io ho segnalato, (dico io perchè leggo le mail di ragazze che producono oggettini e scrivo un breve articoletto) e capire che noi di frizzifrizzi abbiamo cercato di dare spazio a chi ce lo chiedeva nel limite del tempo e delle possibilità.

    – Vi rimando a un link, perchè non credo che sia questa la sede giusta per parlare di questi argomenti, io non sono del settore e probabilmente ottusamente non capisco il problema:

    https://www.frizzifrizzi.it/2007/10/11/schizzi-darte-per-chi-ama-creare-con-le-proprie-mani/
    (è un forum di ragazze che si occupa di queste cose, seguitele, credo che saranno in grado di saper dipanare il bandolo della matassa)

  11. valentina, mi scuso se non sono stato chiaro .. con il “non c’è bisogno di adirarsi su sta cosa” non volevo mancare di rispetto a chi mette anima impegno e corpo nella creazione di qualcosa dal nulla.
    so bene cosa significhi e so bene come ci si possa sentire in una situazione del genere. sono da due anni e mezzo a questa parte un fotografo tra l’amatoriale (come vocazione) e il professionale (come situazione), e non sono pochi i casi (per fortuna a me non è ancora capitato) in cui vedo alcuni scatti “scoppiazzati” da altri in maniera alquanto palese .. ma purtroppo che ci puoi fare? la foto non è esattamente la stessa, però l’inquadratura “geniale” e “creativa” sì .. dunque? c’è una tutela di un certo angolo di inquadratura? purtroppo no. bisognerebbe cercare di sancire se è quell’inquadratura a rappresentare l’estro creativo, bisognerebbe cercare di sancire se è la fattura “tondeggiante e cartoonesca” a rappresentare l’estro creativo.
    davvero, non volevo minimizzare l’impegno che ci mettete, lo capisco bene, è che penso sia molto difficile stabilire certe cose, purtroppo.

    e pinkrain, non volevo nemmeno mettere in dubbio la tua lunga esperienza :D. ribadisco che io di questo preciso settore conosco poco quindi suono fuori dal mondo in termini di “chi è conosciuto e chi no”.
    il mio primo commento è infatti stato “bei lavori! questi ragazzi meritano visibilità!” che è il medesimo commento che avrei fatto se fosse stata postata una notizia riguardate te o l’altra ragazza che ha commentato (i vostri pezzi sono altrettanto ottimi).
    per quanto riguarda il sito sembra sia una variabile così pesante per voi? lo dico proprio da mezzo informatico, non fatevi impaurire! ci sono domini che costano veramente poco all’anno, soldi che potreste guadagnare vendendo 2 o 3 dei vostri articoli. per la realizzazione davvero non conoscete qualcuno? perchè volendo potrei cercare di aiutarvi io mettendovi in contatto con qualche ragazzo disposto a realizzarvi un sitino.

    ethel, scusami se continuo a commentare ma in questi casi spostare la discussione è sempre un po’ un macello :P
    spero non sia un problema.

    saluti
    m

  12. [– bisognerebbe cercare di sancire se è la fattura “tondeggiante e cartoonesca” a rappresentare l’estro creativo –] dell’arcobaleno
    :)

  13. ma infatti Ethel, io sono grata a voi per il lavoro che fate, penso sia una bellissima idea dare spazio a giovani creativi, mi piace molto il vostro stile e vi seguo spesso.
    Non volevo accusarvi di niente nè offendervi (come penso nessuna delle ragazze che hanno commentato volesse offendervi, se l’ho fatto vi chiedo scusa) e se vuoi, privatamente, ti segnalerò le foto in questione, con un rimando a quelle “originali”, anche se penso che Pinkrain sappia meglio di me dove trovare le foto “incriminate”.
    Lo scopo del mio commento era solo di “mettere una pezza” alla discussione che si è creata, senza nulla togliere alla vostra professionalità e all’impegno che mettete nello scrivere i vostri articoli.
    Emme lo so che non ci si può fare niente, personalmente sono stata copiata da un negozio nel centro storico di Genova che mi aveva chiesto il conto vendita e, visto che ho rifiutato per l’eccessiva percentuale richiesta, hanno ben pensato di copiarmi.. però fa tanta rabbia, credimi. tutto qui. Per quanto riguarda il sito, credo che Pinkrain si stia adoperando per crearlo (anche con il mio aiuto, qualcosa di html lo so), ma che le spese eccessive di cui parla si riferiscano alla registrazione del marchio: sarebbe il modo migliore per tutelarsi (anche se poi le copie ci sarebbero lo stesso), ma accipicchia se costa!
    scusate per l’ulteriore commento.

  14. Vi ringrazio tutti.
    Sono contenta che la questione non sia degenerata e che siamo riusciti a parlare da persone civili.Finalmente!!
    Credo sia il caso di chiuderla qui.
    Io non ho intenzione di continuare,perchè Frizzi frizzi c’entra davvero poco in questa storia!!

    Ethel,il forum di skizzi d’arte lo conosco bene ^__^

  15. ok, a parte tutto lo scopiazzamento vario.
    IL SITO NON E’ IN REGOLA!!!!! dov’è il numero della partita iva?
    hanno sbagliato loro a mettere dei prodotti in vendita senza avere alcun permesso per farlo e avete sbagliato voi a publicizzare un sito simile.
    Le persone non si rendono ancora conto di quello a cui vanno incontro..

  16. Come prima cosa chiedo scusa per tutta la baraonda che si è creata a Ethel che non c entra niente e che non fa altro che dare spazio anche a persone che nel loro piccolo cercano di fare delle cose carine divertendosi. Ed è prorpio questo che anche noi di b-kiut cerchiamo di fare: divertirci. Ci divertiamo con il cernit e ancora di più andando nelle feste che troviamo in giro con il nostro piccolo gazzebo. Ed è solo per divertimento, visto che questo progetto di b-kiut non ci sta facendo diventare ricchi e famosi; cosa che per altro non ci interessa. Abbiamo cominciato con il cernit qualche anno fa, quando in un negozio di brescia abbiamo visto tutti questi portachiavi e spillette coloratissimi e carinissimi. Abbiam cominciato ed è dopo mille insuccessi che le cose han cominciato a uscire carine. All’inizio ci siam guardate in giro nei negozi e su internet perchè nell’inesperianza non pretendevamo certo di creare capolavori, e non nego di avere osservato attentamente anche i vostri prodotti sui vostri blog che senza dubbio son carinissimi. Col tempo avendo acquistato manualità, abbiamo sempre più personalizzato le nostre cose.

    Mi spiace molto aver creato tutto questa confusione e che molte di voi si siano incavolare, deluse o abian fatto del sarcasmo. Mi fa ancora più rabbia però che persone a caso esagerenino con le parole come avete fatto voi. Non intendevamo creare tutto questo. Prodotti in cernit di questo tipo ce ne sono a bizzeffe in giro: su internet, in negozi sparsi per l’italia (li avete visti a genova io li ho visti a brescia) e non solo, visto che anche a londra ce ne sono. Per questo non mi sento sinceramente in colpa di aver rubato niente a nessuno; magari le nostre cose non eccelgono in originalità, ma mi viene difficile pensare che siate state voi le fondatrici di questa “tendenza”; e questo senza nulla togliere al vostro lavoro visto che farte cose che a me piaccion tantissimo. Cose del genere ne ho viste moltissime, prorpio perchè son carine e riuscire a crearli dà un certo senso di soddisfazione. Non volevamo fare torto a PinkRain o nessuna di voi, ve lo assicuriamo. Certi commenti però li ho trovati un po’ eccessivi perchè magari con un po’ di calma ci si capisce anche di più. Noi non avremmo problemi ad aggiungere i vostri link sul nostro sito, proprio perchè il nostro è un piccolo passatempo e non ci interessa recar danno a nessuno nè derubarvi, tanto per usar parole vostre. Non c’è stata cattiva fede, anche perchè se così fosse stato di certo non ci saremmo esposti.

    Chiedo ancora scusa a frizzi frizzi che c’è andata in mezzo, benchè c’entrasse poco.

  17. Sono d’accordo anche io a chiudere qui la questione,ragazzi ^^
    Nel mio caso,vi ho contattato e ho cercato di esporvi le mie perplessità in modo gentile ed educato.
    credo anche io che questo sito non c’entra nulla con tutta questa questione!!
    La pensiamo allo stesso modo quindi.
    Anche io creo per divertirmi e non voglio diventare ricca e famosa,solo pian piano dopo anni ho capito che davvero da più soddisfazione quando ricevi i complimenti per qualcosa creato con la tua testa e non ispirato ad un’altra creazione vista in giro.
    Voi di b kiut siete davvero bravi,per questo quello di cercare di essere più originali era un consiglio,non una provocazione…perchè avete davvero tutte le capacità per creare cose che siano VOSTRE,riconoscibili…cose che la gente guardandole dica” questo lo riconosco,è dei ragazzi di b kiut!”
    Siamo persone adulte e responsabili,è inutile litigare e intestardirsi!
    Tanto poi ognuno nel cuor suo sa se ha sbagliato o meno.
    Odio litigare.

  18. E’ davvero triste vedere che ogni volta che si dà a qualcuno la possibilità (grande o piccola che sia) di farsi pubblicità, in questo caso attraverso Frizzifrizzi, ci sia sempre qualcuno che provi a rovinare tutto, non accorgendosi di star soltanto tirandosi la classica zappa sui piedi, commentando in maniera distruttiva piuttosto che costruttiva.

    Purtroppo è l’ennesima manifestazione di un atteggiamento molto diffuso e che, in quanto, editore di questo blog, non mi sento affatto di incoraggiare.
    Per questo, da ora in poi, oltre a chiudere i commenti su questo articolo, farò in modo che su questo sito non si parli più di prodotti di questo genere (mi riferisco ad accessori più o meno fatti in casa, con cernit o simili).

    Non credo che nessuno di voi abbia il copyright su questo genere di prodotti che, per quanto mi riguarda, ritengo davvero uno scopiazzamento generale. Mi fa ridere che chi a sua volta ne produca di suoi inizi a sputare merda (perché questo è) sugli altri, arrivando ad accuse ridicole come quelle che avete fatto riguardo al sito di B-Kiut.

    Noi siamo soliti verificare prima le notizie che diamo, ma non vedo cosa ci sia da verificare rispetto ad accessori fondamentalmente tutti uguali gli uni agli altri. Non siamo una grande società che deve rendere conto a qualcuno. Frizzifrizzi è assolutamente indipendente e, forte di questa indipendenza, non ho paura a dare dei patetici a chi fa questo tipo di commenti.
    Secondo me avete perso una bella occasione di confronto, che invece è andata a finire in malora.

I commenti sono chiusi.