Tutti i poster dei film di 007 in versione alternativa

Classe 1987, l’illustratore e graphic designer gallese Matt Needle è un appassionato di cinema fin da bambino, quando ridisegnava coi pastelli le sue scene preferite.
All’epoca non sapeva ancora che quella sarebbe diventata la sua carriera, ma così è stato: dopo un parentesi come collaboratore di studi creativi e riviste, ha cominciato a lavorare come freelance e, negli anni, si è specializzato in illustrazione editoriale (è anche uno degli autori presenti in questo bel libro per cinefili e appassionati di illustrazione) e nella realizzazione di poster.
Oggi collabora con la Poster Posse, uno studio creativo “diffuso” con talenti in tutto il mondo, e con alcuni tra i maggiori studi di produzione cinematografica del mondo: Sony Pictures, 20th Century Fox, Warner Bros, Disney, Pixar, Marvel.

“Octopussy”, 1983 (copyright e courtesy: Matt Needle)
“A view to kill”, 1985 (copyright e courtesy: Matt Needle)

Durante la pandemia — essendo quello dei cinema e dei film in uscita uno dei settori più colpiti da chiusure, cancellazioni e lanci posticipati —, l’artista si è messo a lavorare su un progetto che aveva in mente da anni ma che finora aveva rimandato per mancanza di tempo: quello di rifare le locandine di tutti i film di 007 prodotti dal 1962 a oggi, da Licenza di uccidere a No Time to Die.
Proprio l’uscita nelle sale di quest’ultimo, prevista per aprile 2020, è stata una delle motivazioni che ha convinto Needle a buttarsi in questa iniziativa. Tuttavia anche No Time to Die — nonostante il titolo — è rimasto vittima della grande crisi del cinema in tempo di Covid, e dopo essere stato posticipato a novembre, pare che non vedrà la luce fino ad aprile 2021 (anche se qualcuno azzarda che forse la pellicola salterà del tutto le sale e arriverà direttamente su qualche piattaforma di streaming).

Ad ogni modo, Needle ha disegnato anche il poster del nuovo film, il 25º, che si può ammirare, insieme agli altri, sul suo account Instagram @needledesign.

“Licence to kill”, 1989(copyright e courtesy: Matt Needle)
“GoldenEye”, 1995 (copyright e courtesy: Matt Needle)
“Tomorrow never dies”, 1997 (copyright e courtesy: Matt Needle)
“Die another day”, 2002 (copyright e courtesy: Matt Needle)
“Casino Royale”, 2006 (copyright e courtesy: Matt Needle)
“Quantum of solace”, 2008 (copyright e courtesy: Matt Needle)
“Spectre”, 2015 (copyright e courtesy: Matt Needle)
“No time to die”, 2021? (copyright e courtesy: Matt Needle)
Altre storie
Arriva l’Atlante dei misteri dell’antichità: intervista all’autore, Francesco Bongiorni