Partecipa al #BOOKTOBER, un'iniziativa di Frizzifrizzi da un'idea di Davide Calì

Save the date | Celestia: il graphic novel di Manuele Fior in mostra da Bonvini 1909

Cosa
Manuele Fior - Celestia
Quando
30 settembre - 24 ottobre 2020
Opening
30 settembre e 1 ottobre
Dove
Atelier 1909 | via Tagliamento 1, Milano

«Per me il futuro è la possibilità della fantasia», disse Manuele Fior qualche anno fa in occasione di una conversazione con Lorenzo Ghetti, Elena Orlandi, Giordana Piccinini ed Emilio Varrà dell’associazione culturale Hamelin, trascritta su un libriccino — Intervista su “L’intervista” — stampato in occasione di una bella mostra che, nel 2014, il festival internazionale di fumetto BilBolbul dedicò alla genesi e alle molteplici ispirazioni del graphic novel che l’artista cesenate aveva pubblicato l’anno precedente. L’opera si intitolava appunto L’Intervista, ed era una storia di fantascienza ambientata a Udine, interamente disegnata in bianco e nero.

Tra i maggiori esponenti del fumetto italiano degli ultimi vent’anni e vincitore di alcuni tra i più prestigiosi premi del settore — il Fauve d’Or di Angoulême, il Gran Guinigi di Lucca, l’Attilio Micheluzzi del Napoli Comicon e il Prix Bédélys Monde del Festival BD de Montréal —, Fior ambientò L’Intervista a Udine, realizzando una storia di fantascienza interamente disegnata in bianco e nero, che aveva come protagonista Dora, una ragazza che si chiama come una delle prime pazienti di Freud e ha il volto dichiaratamente ispirato a quelli del maestro giapponese dei manga Leiji Matsumoto.

Sei anni più tardi, Dora è ritornata, stavolta a colori — e che colori — in un nuovo fumetto intitolato Celestia, uscito in due volumi per Oblomov Edizioni, il primo a ottobre 2019 e il secondo a febbraio 2020.
Celestia, il lizza per il Premio Boscarato del Treviso Comic Book Festival nella categoria “Miglior fumetto italiano”, è ambientato in un’isola di pietra unita alla terraferma da un unico ponte andato distrutto. A seguito di una grande invasione, sull’isola di Celestia si sono rifugiati delinquenti e giovani telepati, che getteranno le basi per un’umanità nuova.

© Manuele Fior (courtesy Bonvini 1909)

«Celestia sta a Venezia come Gotham City sta a New York, è un filtro per staccarsi dalla realtà. Prendi un posto molto singolare, gli dai un altro nome e ottieni dei margini di manovra diversi» ha raccontato Fior in un’intervista realizzata da Andrea Fiamma su Fumettologica. Tra ispirazioni narrative e visive che arrivano dagli X-Men come da Miyazaki, dal Kubrick di 2001: Odissea nello spazio come da Rothko, la Venezia fantastica di Fior ha un ruolo da protagonista — insieme a Dora e al misterioso Pierrot — nel romanzo grafico.

Fior, che da anni vive e lavora a Parigi, è laureato in architettura, per qualche tempo ha anche esercitato e questo aspetto del suo passato emerge chiaramente nelle sue opere: nella Venezia di Celestia appaiono architetture reali della città lagunare, insieme ad altre immaginarie e da “universo parallelo” (è sempre Fumettologica a segnalare come due degli edifici presenti nel fumetto siano opere progettate da Frank Lloyd Wright e da Le Corbusier ma mai realizzate, mentre il castello che i due ragazzi trovano sulla terraferma è un omaggio al celebre La Manzanera, realizzato da Ricardo Bofill ad Alicante, in Spagna).

© Manuele Fior (courtesy Bonvini 1909)
© Manuele Fior (courtesy Bonvini 1909)

Realizzate con la tecnica del guazzo, quelle di Fior sono delle tavole meravigliose. Alcuni degli originali saranno in esposizione a Milano da fine settembre fino a fine ottobre, presso l’Atelier 1909 di Bonvini 1909.
Si tratta di 40 opere, alcune delle quali in vendita nelle edizioni fine-art in tiratura limitata.

L’inaugurazione, per questioni di distanziamento sociale, sarà “spalmata” su due giornate, il 30 settembre e il 1º ottobre, e sarà necessaria la prenotazione.
Nei giorni successivi, inoltre, sarà presente lo stesso Manuele Fior: il 2 ottobre per un talk con lo storico e critico del fumetto Paolo Interdonato (verrà trasmesso anche su Instagram dalle 19,00); il 3 ottobre con il firmacopie.

Tutti i libri dell’autore pubblicati con Oblomov e Coconino saranno in vendita durante il periodo della mostra, realizzata in collaborazione con i due editori e con Mimaster Illustrazione.

© Manuele Fior (courtesy Bonvini 1909)
© Manuele Fior (courtesy Bonvini 1909)
© Manuele Fior (courtesy Bonvini 1909)
© Manuele Fior (courtesy Bonvini 1909)
© Manuele Fior (courtesy Bonvini 1909)
© Manuele Fior (courtesy Bonvini 1909)
© Manuele Fior (courtesy Bonvini 1909)
Altre storie
Save the date | Güle Güle in mostra presso PHmuseum Lab, a Bologna