Simbiosis Carnal: un viaggio animato nella storia del sesso e del desiderio

Procreare, disseminare, accoppiarsi, copulare, fornicare: dagli organismi unicellulari ai mammiferi, quello di Simbiosis Carnal è un breve itinerario fantastico nel mondo dell’evoluzione e della riproduzione animale.
Quando arriviamo all’essere umano, tuttavia, succede qualcosa di nuovo, magico, potentissimo: l’invenzione dell’erotismo, del piacere calcolato, della fantasia sessuale.

Dopo un rapido excursus nell’arte erotica, l’autrice dell’animazione — l’illustratrice, pittrice e animatrice spagnola Rocio Alvarez — racconta la repressione del desiderio femminile, tra religione, lenzuola col buco, burqa e cinture di castità. Finché la prigione non diventa la casa stessa, con la società a imporre il ruolo della donna madre e casalinga obbediente.

(fonte: rocioalvarez.net)
(fonte: rocioalvarez.net)

Il ‘900 è un altalena, tra femminismo e lavoro in tempo di guerra, coi mariti al fronte a combattere, e poi di nuovo clausura, prima della rivoluzione sessuale degli anni ’60 e della pillola anticoncezionale: un’epoca apparentemente gioiosa conclusasi sotto l’ombra incombente dell’HIV, quando la casa torna ad essere nido e prigione, mentre la TV e i messaggi eroticizzanti della pubblicità accompagnano la narrazione fino al nostro presente: Tinder, il porno online, i canoni estetici irraggiungibili, il tutto-e-subito, la cultura del like, il sesso come performance estetica e sportiva.

Il vero pezzo forte di Simbiosis Carnal, tuttavia, è il gran finale. Un immaginifico tripudio dei sensi, che inizia con una nuova era di primordiali istinti e sfocia in una erotica coreografia all’insegna di un’animalesca e giocosa fluidità e di un’esplosione di piacere che passa per il cervello, prima ancora che per il corpo.

(fonte: rocioalvarez.net)
(fonte: rocioalvarez.net)

Realizzato nel 2017 e presentato ai festival di mezzo mondo (anche in Italia: al Future Film Festival e al Magma – mostra di cinema breve nel 2018, al Fish&Chips Film Festival nel 2019), il corto d’animazione di Rocio Alvarez ha vinto alcuni tra i più prestigiosi premi a livello internazionale.
Su Vimeo, dov’è online in versione integrale da pochi giorni, l’autrice ha anche raccontato la genesi dell’opera, nata in forma di illustrazioni di animali che si trasformavano mentre facevano sesso.

«Mi interessava catturare il modo in cui noi umani siamo tutti connessi al nostro passato animale e cellulare. Volevo mostrare l’importanza della sessualità, senza misoginia e repressione. È come tornare alle origini animali per essere liberi. Ho letto alcuni libri che mi hanno ispirato, come La Fabuleuse Histoire du Clitoris di Jean-Claude Piquard, che racconta come nel corso della storia gli umani abbiano deliberatamente “trovato” e “nascosto” l’organo di piacere delle donne», spiega Alvarez.

Oltre all’animazione video, tra l’altro, Simbiosis Carnal è anche disponibile in formato flipbook.

(fonte: rocioalvarez.net)
(fonte: rocioalvarez.net)
(fonte: rocioalvarez.net)
(fonte: rocioalvarez.net)
Altre storie
Rettile: il video d’animazione di Federico Manzone per il nuovo singolo degli zYp