“Siamo soli”: la nuova serigrafia di Riccardo Guasco, prodotta da Fallani Venezia

Nonostante il suo stile e il suo segno siano tra i più riconoscibili nel panorama dell’illustrazione italiana contemporanea, e il suo immaginario affondi inequivocabilmente le proprie radici nelle avanguardie artistiche di inizio ‘900, Riccardo Guasco è uno di quei rari artisti che, quando ti sembra di essere riuscito a “incasellarlo”, silenziosamente sguscia via dalle definizioni e — rubando una metafora al mondo del ciclismo, a lui molto caro — senza troppo clamore cambia passo e pedala verso stradine secondarie per esplorare nuovi panorami.

È il caso, ad esempio, delle sue escurisioni/incursioni in un semi-astrattismo geometrico che da anni contamina il suo portfolio attraverso una serie che assomiglia a una sorta di “territorio laterale” nella ricca geografia creativa di Guasco: una penisola naturale, non del tutto separata dal continente, col quale intrattiene continui e fecondi scambi.
Se ne possono trovare molti esempi, recenti e non, tra omaggi alla storia dell’arte e giochi di parole: A tratti astratto #28, del 2016; Figura rossa spensierata sopra concetto astratto di mobilità sostenibile, La brutta piega, L’apostrofo verde, del 2017; Senza parole, Ho perso la testa per te, del 2019; Se-mi-cerchi, La sfera emotiva, del 2020.

(courtesy: Fallani Venezia)
(courtesy: Fallani Venezia)

Fa parte di questo territorio, anche Siamo Soli, che gioca sul bisticcio linguistico — soli nel senso degli astri, e soli come “senza nessun altro” — ed è stata stampata in un’edizione di 100 copie dallo storico studio di serigrafia Fallani Venezia, che appena pochi mesi fa rimase vittima dei 187 centimetri d’acqua che sommersero Venezia e lanciò una bella iniziativa (alla quale partecipò anche Guasco) per far riemergere — letteralmente — l’attività.

«Non avrei mai il coraggio di fare un quadro astratto, però la forma geometrica pura mi ha sempre attratto terribilmente», dice l’artista. «Per questo è nata una serie di illustrazioni frutto di una ricerca personale di avvicinamento all’astratto, sulle forme geometriche pure e sulle loro caratteristiche emozionali. Ho cercato di rendere umane figure come cerchi e quadrati, di conoscerne le storie, le vite, le relazioni, le personalità sfaccettate e controverse, caratteri morbidi o spigolosi a seconda della forma. Siamo Soli fa parte di questa serie. Poi ho scoperto che anche noi umani non siamo tanto diversi da delle forme geometriche».

La serigrafia, stampata a mano su carta Fedrigoni Sirio Dark Blue da 210 g in formato 50×35 cm, è attualmente in prevendita. Tutte le copie sono firmate e numerate.

(courtesy: Fallani Venezia)
(courtesy: Fallani Venezia)
(courtesy: Fallani Venezia)
(courtesy: Fallani Venezia)
(courtesy: Fallani Venezia)
Altre storie
Designers Against Coronavirus: un archivio online per raccogliere fondi