Passare ore davanti a cose belle e gratis? La nostra rubrica Tesori d'archivio è la soluzione.

Promise me a land, il conflitto israelo palestinese negli scatti di Clément Chapillon

Da queste parti la guerra è un concetto da libri di storia, da prime pagine dei quotidiani o dei notiziari, da titoli di libri, un concetto lontano, che non ci appartiene più. A qualche migliaio di chilometri da noi cambia natura, diventa sinonimo di realtà, vita di tutti i giorni, assume le forme del dolore, della morte, dei rumori delle bombe o dei razzi. Tra questi due mondi c’è tutto lo spazio per provare a raccontare ciò che non vediamo, magari con delle fotografie.

Clement Chapillon, “Promise me a land”, Kehrer Verlag, 2018 (courtesy: Clement Chapillon)

Clement Chapillon, fotografo francese, ha avuto un’idea simile alla mia diversi anni fa: ha lasciato temporaneamente il suo paese di origine nel febbraio del 2016 e si è recato in Israele. Non per raccontare le informazioni che il giornalismo ci ha già fornito negli anni sulla guerra israelo-palestinese, ma per trovare invece un modo per accorciare quella distanza tra i due mondi, aggiungere luce dove ci dicono ci sia solo buio. La sua serie fotografica, diventata anche un libro, Promise me a land, racconta allora le persone a prescindere dalla loro posizione politica, il deserto, i mandorli in fiore, i disegni sui muri, racconta un mondo adattato al conflitto ma con i suoi paesaggi meravigliosi, che non importa se siano Israele o Palestina, appartengono allo stesso pianeta su cui ci troviamo tutti.

Quando finirete di scorrere le sue fotografie, sentitevi liberi di chiedervi se forse sia veramente così necessario dover dare un nome a tutto, anche alla terra in cui viviamo. Non sarà forse che sia lei a possederci, piuttosto che il contrario?

Clement Chapillon, “Promise me a land” (courtesy: Clement Chapillon)
Clement Chapillon, “Promise me a land” (courtesy: Clement Chapillon)
Clement Chapillon, “Promise me a land” (courtesy: Clement Chapillon)
Clement Chapillon, “Promise me a land” (courtesy: Clement Chapillon)
Clement Chapillon, “Promise me a land” (courtesy: Clement Chapillon)
Clement Chapillon, “Promise me a land” (courtesy: Clement Chapillon)
Clement Chapillon, “Promise me a land” (courtesy: Clement Chapillon)
Clement Chapillon, “Promise me a land” (courtesy: Clement Chapillon)
Clement Chapillon, “Promise me a land” (courtesy: Clement Chapillon)
Clement Chapillon, “Promise me a land” (courtesy: Clement Chapillon)
Clement Chapillon, “Promise me a land” (courtesy: Clement Chapillon)
Clement Chapillon, “Promise me a land” (courtesy: Clement Chapillon)
Clement Chapillon, “Promise me a land” (courtesy: Clement Chapillon)

 

contributor

Commenta

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Altre storie
La bellezza delle letture infantili negli scatti di Ellen Cantor