Camera Arhiva: un archivio online dedicato alle pubblicazioni rumene dal 1947 al 1989

Trent’anni fa, proprio in questo periodo, la Romania festeggiava la fine del lungo periodo della dittatura comunista di Ceaușescu, che venne rovesciata dalla Rivoluzione del dicembre del 1989.
Gli anni che vanno dall’immediato dopoguerra alla caduta del regime sono ovviamente stati analizzati a lungo e approfonditamente dal punto di vista storico, politico e sociale. Un terreno di studio sul quale, in Romania come nel resto dell’Europa orientale, si sono fronteggiate e continuano a fronteggiarsi opposte ideologie, nei cui arsenali figurano documenti, testimonianze e archivi da utilizzare in guerre che vengono combattute utilizzando una delle più potenti armi che ci siano: la memoria.

«La memoria è diventato uno strumento cruciale utilizzato dagli attori politici per delegittimare le opinioni contrarie e convalidare le carriere personali, mobilitare le masse elettorali e scandalizzare la pubblica opinione, per politicizzare gli ordini del giorno di parte e perseguitare i nemici politici. La memoria e la storia sono state strumentalizzate al fine di ossificare un’identità nazionalista a scapito di quella internazionalista, per manipolare l’opinione popolare in nome del bene collettivo al fine di creare lealtà nei confronti delle élite già regnanti», così scrivono i fondatori di Camera Arhiva, un nuovo progetto lanciato dalla rivista culturale Kajet Journal.

Secolul 20, rivista di letteratura universale, 1967, in copertina: Bob Noorda (courtesy: Camera Arhiva)

Focalizzato sullo studio e la ridefinizione dell’identità dei cittadini dei paesi est-europei oltre che sull’abbattimento di stereotipi e pregiudizi, Kajet (di cui ho già avuto modo di parlare qui e qui) ha raccolto pubblicazioni e documenti prodotti in Romania tra il 1947 e il 1989, tra almanacchi, riviste, opuscoli, manuali, cataloghi di mostre, saggi e romanzi tascabili, caricando tutto sulla piattaforma lanciata a fine 2019.

Quello che l’archivio offre non è soltanto uno spaccato della vita quotidiana durante l’epoca comunista — ci sono materiali di arte e cultura ma anche di scienza e tecnologia, di fantascienza, di sport e di intrattenimento in generale, il tutto “condito” da dosi massicce di propaganda — ma anche una testimonianza interessante dal punto di vista grafico.

Secolul 20, rivista di letteratura universale, 1968, in copertina: Picasso (courtesy: Camera Arhiva)
Secolul 20, rivista di letteratura universale, 1968, Apollinaire (courtesy: Camera Arhiva)

Il vero punto centrale del progetto, però, lo spiegano i fondatori nella pagina dedicata alla contestualizzazione dell’intera iniziativa, dove si parla di Camera Arhiva come archivio che non insegue la (sterile) oggettività e che si distanzia sia dagli archivi istituzionali, usati per supportare narrazioni egemoniche, sia quelli privati, feticci che spesso tengono lontani dagli occhi del pubblico materiali storici importanti.

«Ciò che Camera Arhiva propone», scrivono, «è il potenziamento degli archivi personali e soggettivi, non come forze onnipotenti di verità né come capsule di conoscenza privatizzate / feticizzate, ma piuttosto come meccanismi flessibili che sono costruiti su reti relazionali e pratiche artistiche che si occupano direttamente delle strutture storiche. In questo modo, aggira la burocratica detenzione della conoscenza e contribuisce a restaurare una struttura di immaginazione politica e sociale che ha il potenziale per potenziare nuove soggettività».

Secolul 20, rivista di letteratura universale, 1975, in copertina: David Hockney (courtesy: Camera Arhiva)
Secolul 20, rivista di letteratura universale, 1975, Robert Coover (courtesy: Camera Arhiva)
Secolul 20, rivista di letteratura universale, 1976, in copertina: Brancusi (courtesy: Camera Arhiva)
Secolul 20, rivista di letteratura universale, 1976 (courtesy: Camera Arhiva)
Secolul 20, 1976, inserto (courtesy: Camera Arhiva)
Secolul 20, 1976, inserto (courtesy: Camera Arhiva)
Secolul 20, 1976, inserto (courtesy: Camera Arhiva)
Secolul 20, rivista di letteratura universale, 1978, in copertina: Matei Lăzărescu (courtesy: Camera Arhiva)
Micul Ghid—Muzeul Tehnic, guida al museo di tecnica, anni ’70 (courtesy: Camera Arhiva)
Micul Ghid—Muzeul Tehnic, guida al museo di tecnica, anni ’70 (courtesy: Camera Arhiva)
Micul Ghid—Muzeul Tehnic, guida al museo di tecnica, anni ’70 (courtesy: Camera Arhiva)
Micul Ghid—Muzeul Tehnic, guida al museo di tecnica, anni ’70 (courtesy: Camera Arhiva)
Kaznovsky Ernő, catalogo, Unione degli artisti plastici della Repubblica socialista di Romania, Galleria Orizont, novembre-dicembre 1983 (courtesy: Camera Arhiva)
Kaznovsky Ernő, catalogo, Unione degli artisti plastici della Repubblica socialista di Romania, Galleria Orizont, novembre-dicembre 1983 (courtesy: Camera Arhiva)
Conexiuni, catalogo, Quartetto di danza contemporanea, Teatro Nottara, Stampato dal R.S. Art Museum Romania, 1986 (courtesy: Camera Arhiva)
Conexiuni, catalogo, Quartetto di danza contemporanea, Teatro Nottara, Stampato dal R.S. Art Museum Romania, 1986 (courtesy: Camera Arhiva)
U.R.S.S.—Planuri și realizări (Piani e Risultati), 1981 (courtesy: Camera Arhiva)
Almanah Turistic, almanacco turistico, 1954 (courtesy: Camera Arhiva)
Almanah Turistic, almanacco turistico, 1969 (courtesy: Camera Arhiva)
Almanah Turistic, almanacco turistico, 1969 (courtesy: Camera Arhiva)
Almanah Turistic, almanacco turistico, 1970 (courtesy: Camera Arhiva)
Almanah Turistic, almanacco turistico, 1987 (courtesy: Camera Arhiva)
Almanah Femeia, almanacco femminile, 1971 (courtesy: Camera Arhiva)
Almanah Femeia, almanacco femminile, 1971 (courtesy: Camera Arhiva)
Almanah Femeia, almanacco femminile, 1976 (courtesy: Camera Arhiva)
Almanah Femeia, almanacco femminile, 1976 (courtesy: Camera Arhiva)
Almanah Flacăra, almanacco femminile, 1973 (courtesy: Camera Arhiva)
Almanah Flacăra, almanacco femminile, 1973 (courtesy: Camera Arhiva)
Almanah Anticipația, creato dalla rivista Știință și Tehnică (Scienza e Tecnologia), 1983 (courtesy: Camera Arhiva)
Almanah Anticipația, creato dalla rivista Știință și Tehnică (Scienza e Tecnologia), 1985 (courtesy: Camera Arhiva)
Almanah Anticipația, creato dalla rivista Știință și Tehnică (Scienza e Tecnologia), 1985 (courtesy: Camera Arhiva)
Almanah Exotica, editoriale di propaganda tecnica agricola del Ministero dell’Agricoltura, 1989 (courtesy: Camera Arhiva)
Altre storie
Tesori d’archivio: un sito dedicato alla storia del design polacco