Seoul brutalista e le metropolitane di Parigi e New York: le nuove mappe di Blue Crow Media

Fondata da Derek Lamberton nel 2009, la piccola casa editrice britannica Blue Crow Media produce mappe e guide dedicate alle principali città del mondo.
Dopo aver inizialmente puntato l’attenzione su cibi, bevande e locali, negli ultimi anni si è focalizzata sull’aspetto architettonico, realizzando cartine dedicate agli edifici brutalisti e modernisti di metropoli europee, americane e dell’estremo oriente, e alle reti della metropolitana più interessanti dal punto di vista delle decorazioni e delle strutture.

Le ultime tre uscite — realizzate in collaborazione con fotografi ed esperti dei diversi luoghi in questione — vedono come protagoniste Parigi, New York e Seoul.


Paris Metro Architecture & Design Map

Mark Ovenden, “Paris Metro Architecture & Design Map”, Blue Crow Media, novembre 2019 (courtesy: Blue Crow Media)

Non la solita mappa con le linee della celebre metropolitana parigina, la Paris Metro Architecture & Design Map da un lato evidenzia le fermate che, nell’ottica degli appassionati di design e architettura, hanno elementi da scoprire, e dall’altro approfondisce ogni singola “tappa” grazie ai testi di Mark Ovenden, storico del design dei trasporti, e alle foto di Nigel Green.

Tra ingressi Art nouveau entrances, insegne Art déco, ceramiche murali, opere d’arte contemporanea e piccoli tesori di tipografia, la mappa, in doppia lingua inglese/francese, è pensata non soltanto per chi arriva da fuori ma anche per i parigini, che non sempre conoscono tutte le meraviglie più o meno nascoste in bella vista sopra e sotto terra.

Mark Ovenden, “Paris Metro Architecture & Design Map”, Blue Crow Media, novembre 2019 (courtesy: Blue Crow Media)
Mark Ovenden, “Paris Metro Architecture & Design Map”, Blue Crow Media, novembre 2019 (courtesy: Blue Crow Media)
Mark Ovenden, “Paris Metro Architecture & Design Map”, Blue Crow Media, novembre 2019 (courtesy: Blue Crow Media)
Azulejos alla fermata Champs-Elysées Clemenceau, 1995
designer: Manuel Cargaleiro
(foto: Nigel Green | copyright e courtesy: Blue Crow Media)
Arts et Métiers, anni ’90
designer: François Schuiten
(foto: Nigel Green | copyright e courtesy: Blue Crow Media)

New York Subway Architecture & Design Map

Sandra Bloodworth e Linda Tonn, “New York Subway Architecture & Design Map”, Blue Crow Media, settembre 2019 (courtesy: Blue Crow Media)

Esattamente come per quella di Parigi, la New York Subway Architecture & Design Map prende in esame la metropolitana newyorkese.
In questo caso i testi sono a cura di Sandra Bloodworth e Linda Tonn — la prima è direttrice della sezione arte e design dell’MTA, l’autorità dei trasporti di New York, la seconda è capo-architetta del MTA New York City Transit — mentre le foto sono di Jason Woods.

Nata nel 1904, la rete sotterranea della Grande Mela è piena di elementi che vale la pena di conoscere: dagli ornamenti di inizio ‘900 alle illuminazioni Art déco, dalle “sub-stazioni” nascoste alle opere d’arte commissionate nel corso dei decenni a numerosi artisti.

Sandra Bloodworth e Linda Tonn, “New York Subway Architecture & Design Map”, Blue Crow Media, settembre 2019 (courtesy: Blue Crow Media)
Sandra Bloodworth e Linda Tonn, “New York Subway Architecture & Design Map”, Blue Crow Media, settembre 2019 (courtesy: Blue Crow Media)
4th Avenue-9th Street
designer: Squire J. Vickers, IND, 1933
(foto: Jason Woods | copyright e courtesy: Blue Crow Media)
72nd Street
designer: Heins & LaFarge, IRT, Dattner Architects, 1904, 2002
(foto: Jason Woods | copyright e courtesy: Blue Crow Media)
Bleecker Street
designer: Heins & LaFarge, IRT, Squire J. Vickers, IND, 1904, ’36
(foto: Jason Woods | copyright e courtesy: Blue Crow Media)

Concrete Seoul Map

Hyon-sob Kim, “Concrete Seoul Map”, Blue Crow Media, ottobre 2019 (courtesy: Blue Crow Media)

La Concrete Seoul Map fa invece parte di un’altra collezione, focalizzata sugli edifici in cemento del 20° secolo, dal razionalismo al brutalismo, dal modernismo all’architettura contemporanea.

Quella dedicata a Seoul arriva dopo le analoghe mappe su Chicago, Los Angeles, New York, Montréal, Toronto, Tokyo e Melbourne.

In inglese e coreano, da un lato c’è la carta della città e dall’altro le foto di Yongjoon Choi e le informazioni a cura del professor Hyon-sob Kim, storico dell’architettura.

Hyon-sob Kim, “Concrete Seoul Map”, Blue Crow Media, ottobre 2019 (courtesy: Blue Crow Media)
Hyon-sob Kim, “Concrete Seoul Map”, Blue Crow Media, ottobre 2019 (courtesy: Blue Crow Media)
Kyungdong Presbyterian Church
designer: Swoo-geun Kim, 1981
(foto: Yongjoon Choi | copyright e courtesy: Blue Crow Media)
Dr. Seo’s Women’s Clinic Building (Arium Office Building)
designer: Chung-up Kim, 1967
(foto: Yongjoon Choi | copyright e courtesy: Blue Crow Media)
Interrobang
designer: Sae-min Oh, 2014
(foto: Yongjoon Choi | copyright e courtesy: Blue Crow Media)
Altre storie
An Atlas of Geographical Wonders: un libro raccoglie le tavole illustrate che nell’800 provavano a misurare il mondo