Il terzo numero di Romance Journal parla del concetto di “creazione”

Nato poco più di due anni fa dall’idea — e soprattutto dall’esigenza, come ho già avuto modo di raccontare — della designer americana Roanne Adams, Romance Journal è un magazine tutto al femminile focalizzato sulle emozioni e sulle azioni/reazioni che ne sono causa e conseguenza.

Romance Journal n.3 — Creation, ottobre 2019 (fonte: romance-journal.com)

Il romance del titolo non tragga troppo in inganno. È l’intero ventaglio emotivo, nei suoi lati più luminosi e in quelli più oscuri, quello che viene indagato dai numeri della rivista, che ospita donne che hanno avuto successo nei rispettivi campi — dalla musica al design, dall’arte alla moda — e ne sviscera storie, idee, sguardi sul mondo e sulle cose.

Ciascuna uscita di Romance Journal è dedicata a un tema: emotions la prima, resistance la seconda e, nel terzo numero, pubblicato a ottobre, il grande protagonista è il concetto di creazione.
«Un concetto troppo grande per essere definito», scrivono dalla redazione del semestrale. «Un processo attivo, uno stato del sentire e un’energia che si sviluppa, fiorisce ed esplode sempre nell’esistenza».

Romance Journal n.3 — Creation, ottobre 2019 (fonte: romance-journal.com)
Romance Journal n.3 — Creation, ottobre 2019 (fonte: romance-journal.com)
Romance Journal n.3 — Creation, ottobre 2019 (fonte: romance-journal.com)
Romance Journal n.3 — Creation, ottobre 2019 (fonte: romance-journal.com)
Romance Journal n.3 — Creation, ottobre 2019 (fonte: romance-journal.com)
Romance Journal n.3 — Creation, ottobre 2019 (fonte: romance-journal.com)
Romance Journal n.3 — Creation, ottobre 2019 (fonte: romance-journal.com)
Romance Journal n.3 — Creation, ottobre 2019 (fonte: romance-journal.com)
Altre storie
Montagne, fanzine, linocut, xilografia, Elisa Talentino: cosa c’è nel nuovo numero di Pressing Matters