In un libro tutte le copertine illustrate della rivista free press Lungarno

«Credi possa funzionare a Firenze?»
«Impossibile»
«Perfetto, facciamolo!»

È con questo dialogo da commedia brillante che, ormai quasi dieci anni fa, cominciava a costruirsi la storia di Lungarno, la prima rivista free press fiorentina dedicata ad arte e cultura. Era il 2010 e Gabriele — quello del «credi possa funzionare a Firenze?» — era appena tornato da un viaggio all’estero, dove aveva preso una rivista gratuita. L’«impossibile», invece, uscì dalla bocca di un suo amico, Samuele, che faceva il grafico.

I due, nonostante le difficoltà, ci provarono davvero, ma senza successo. L’idea, però, non fu mai abbandonata definitivamente e — salto in avanti di due anni — grazie all’intervento di altri tre amici — Matilde, Leonardo e Tommaso — alla fine il progetto riesce a partire.

(foto: Frizzifrizzi)

Il numero zero, datato settembre 2012, esce con una copertina illustrata da Legno e dedicata ai Radiohead, che avrebbero suonato il 23 di quello stesso mese al Parco della Cascine, dove vennero distribuite le prime 20.000 copie.

Da allora Lungarno è andato in stampa ogni mese, per 11 mesi all’anno, senza fermarsi mai. Oggi a capo dell’associazione culturale che si occupa del magazine ci sono tre dei cinque fondatori, Leonardo Cianfanelli, Samuele Formiconi e Matilde Sereni, mentre sono più di 170 i collaboratori che negli anni hanno scritto di concerti, mostre, dischi, libri, film, serie tv, teatro, moda, cibo e storie legate alla città.

(foto: Frizzifrizzi)

Ma ciò che forse ha caratterizzato maggiormente la rivista sono state le copertine: da marzo 2013, infatti, Lungarno ha ospitato in prima pagina artisti sempre differenti, tra nomi più e meno affermati del panorama italiano (e non solo), ciascuno con il proprio stile, la propria tecnica, il proprio approccio.

Messe una di seguito all’altra, le copertine potrebbero andare a costituire una sorta di atlante dell’illustrazione italiana degli ultimi sette anni. Ed è propria questa una delle chiavi di lettura di Lungarno. 2012 – 2018. Tutte le copertine, un volume prodotto per celebrare la rivista, dare visibilità agli artisti che vi hanno collaborato e — appunto — offrire un catalogo delle opere apparse sui 68 numeri usciti fino a dicembre 2018.

Il libro, che nel progetto grafico è stato sviluppato insieme agli studenti dell’Accademia Cappiello di Firenze, è stato prodotto in 100 copie numerate a mano e si può acquistare online sostenendo, al contempo, il progetto.

(foto: Frizzifrizzi)
(foto: Frizzifrizzi)
(foto: Frizzifrizzi)
(foto: Frizzifrizzi)
(foto: Frizzifrizzi)
(foto: Frizzifrizzi)
(foto: Frizzifrizzi)
(foto: Frizzifrizzi)
(foto: Frizzifrizzi)
(foto: Frizzifrizzi)
(foto: Frizzifrizzi)
Altre storie
Intervista ad Alice Arcangeli, autrice del “Masturbation Diary”