I libri “aumentati” dell’account Instagram @esefuoripiove

All’interno di Instagram il cosiddetto bookstagram è ormai un genere a sé, con le sue superstar, le sue classifiche, le sue nicchie, gli hater, e stuoli di follower da sorprendere con invenzioni sempre nuove, composizioni fantasiose, effetti speciali, e capacità di ricerca di oggetti degna di uno scenografo o un prop designer professionista.

Nell’affollato panorama dei bookstagramer italiani ne segnalo una che ha cominciato da poco — il primo post risale appena a dicembre 2018 — ma che considero particolarmente interessante e ha una qualità che finora ho visto raramente: oltre a tirare fuori lo spirito di un libro attraverso una serie di elementi; oltre a dare l’impressione che le copertine siano in qualche modo “aumentate”, quasi si espandessero fuori del libro; oltre a tutto questo lei riesce, chissà come, a raccontare anche se stessa per mezzo delle forme e dei colori, delle sagome ritagliate, delle composizioni che, con il passare del tempo, sembrano arrivate a una “minimale complessità” — non c’è né più né meno di quel che serve.

(fonte: instagram.com/esefuoripiove)
(fonte: instagram.com/esefuoripiove)

Tutto ciò che sappiamo di e se fuori piove ce lo dice il suo profilo — «Accumulatrice di libri, di cose belle e di cose belle ma inutili. E se fuori piove 🌧 mi tengono compagnia» — ma attraverso gli scatti postati e le stories (anche quelle sono da non perdere) sembra di conoscerla da anni (e magari è davvero così e non lo so…) e si intuisce che è qualcuno che di comunicazione visiva se ne intende.

Come l’ho trovata? Semplicemente perché — accusatemi pure di autoreferenzialità — qualche settimana fa ha postato il mio libro.

(fonte: instagram.com/esefuoripiove)
(fonte: instagram.com/esefuoripiove)
(fonte: instagram.com/esefuoripiove)
(fonte: instagram.com/esefuoripiove)
(fonte: instagram.com/esefuoripiove)
(fonte: instagram.com/esefuoripiove)
Altre storie
L’ABC dei sassi e altri alfabeti 3D