Morten Barker, “Terra Nullius”, Art Paper Editions, novembre 2018 (fonte: artpapereditions.org)

La terra di nessuno di Morten Barker

Gli antichi romani coniarono il termine Terra Nullius per identificare quei territori contesi o che non sottostanno ad alcuna autorità.
L’espressione viene usata ancora oggi nel diritto internazionale, e il mondo è pieno di zone non rivendicate (è lì che spesso nascono le cosiddette micronazioni) o non rivendicabili. Nelle aree di guerra, invece, si usa l’inglese no man’s land per indicare quelle strisce di suolo tra i due fronti nemici sulle quali è pericoloso muoversi perché c’è il rischio di essere attaccati.

Terra Nullius è anche il titolo di una serie fotografica dell’artista danese Morten Barker, che è andato a recuperare alcuni fotogrammi di film di guerra — Apocalypse Now, Platoon, Il dottor Stranamore, Orizzonti di gloria, Guerra e Pace, Il grande dittatore, il dittico Flags of Our Fathers e Lettere da Iwo Jima di Clint Eastwood, la famosa/famigerata Corazzata Potëmkin — e ha portato l’espressione originale a nuovi livelli di profondità.

Le terrae nullius di Barker — che sono anche le protagoniste di un libro pubblicato dall’editore belga Art Paper Editions — sono terre di nessuno non soltanto dal punto di vista geopolitico ma mettono alla prova anche la realtà stessa: quelli rappresentati nei suoi montaggi digitali sono territori che esistono solo nella finzione cinematografica (dipinti su un fondale o ripresi in qualche altro luogo del mondo rispetto all’ambientazione del film). Terre di nessuno, infine, perché effettivamente non c’è nessuno, non un anima viva: è il nulla delle zone di guerra tutto ciò che si vede.

Morten Barker, “Terra Nullius”, Art Paper Editions, novembre 2018
(fonte: artpapereditions.org)
“Apocalypse Now”
Morten Barker, “Terra Nullius”, Art Paper Editions, novembre 2018
(fonte: artpapereditions.org)
“The Great Dictator”
Morten Barker, “Terra Nullius”, Art Paper Editions, novembre 2018
(fonte: artpapereditions.org)
“Turtles Can Fly”
Morten Barker, “Terra Nullius”, Art Paper Editions, novembre 2018
(fonte: artpapereditions.org)
“Paths of Glory”
Morten Barker, “Terra Nullius”, Art Paper Editions, novembre 2018
(fonte: artpapereditions.org)
“Dr. Strangelove or: How I Learned to Stop Worrying and Love the Bomb”
Morten Barker, “Terra Nullius”, Art Paper Editions, novembre 2018
(fonte: artpapereditions.org)
“Wings”
Morten Barker, “Terra Nullius”, Art Paper Editions, novembre 2018
(fonte: artpapereditions.org)
“Lawrence of Arabia”
Morten Barker, “Terra Nullius”, Art Paper Editions, novembre 2018
(fonte: artpapereditions.org)
“The Hurt Locker”
Morten Barker, “Terra Nullius”, Art Paper Editions, novembre 2018
(fonte: artpapereditions.org)
Morten Barker, “Army of Shadows”, Art Paper Editions, novembre 2018
(fonte: artpapereditions.org)
“Platoon”
Morten Barker, “Terra Nullius”, Art Paper Editions, novembre 2018
(fonte: artpapereditions.org)
Altre storie
See In Black: un progetto per dare visibilità alle fotografe e ai fotografi neri e supportare la comunità