Studio Rebigo, “Laika”, autoproduzione, 2017 (fonte: studiorebigo.it)

Laika: un’antologia illustrata con otto storie dedicate alla cagnetta dello spazio

Si chiamava Kudrjavka, era una bella cagnetta meticcia di circa tre anni che viveva come randagia per le strade di Mosca, e fu scelta per una missione di cruciale importanza: andare nello spazio e diventare il primo essere vivente terrestre ad andare in orbita. Kudrjavka, passata alla storia come Laika, venne lanciata il 3 novembre del 1957 con il razzo Sputnik 2 dal cosmodromo di Baikonur, nel Kazakhstan, ma la cagnetta fu messa nella sua capsula, strettissima e senza finestrini, ben quattro giorni prima, il 31 ottobre, e rimase lì fino al lancio, con acqua e cibo a disposizione.

Era una missione senza ritorno, perché la capsula non aveva sistemi di protezione contro le alte temperature che si sarebbero raggiunte durante il rientro nell’atmosfera. Il progetto era di praticare l’eutanasia alla piccola Kudrjavka dopo 10 giorni di missione attraverso un pasto avvelenato.
In realtà, molti anni più tardi si seppe che Laika morì poche ore dopo il lancio, pare a causa di disidratazione dovuta al malfunzionamento del sistema di controllo della temperatura della capsula. Si seppe anche che sia i politici che gli scienziati sovietici sapevano benissimo che il lancio era più una mossa d’immagine — per avere vantaggio psicologico sugli odiatissimi americani — un test scientifico.

Studio Rebigo, “Laika”, autoproduzione, 2017
(fonte: studiorebigo.it)

Il 14 aprile del ’58, dopo circa cinque mesi e più di duemila orbite attorno al nostro pianeta, lo Sputnik 2 rientrò, disintegrandosi. Dentro c’era il corpicino di Laika, che da allora diventò suo malgrado un simbolo in tutto il mondo, con monumenti, omaggi, canzoni, citazioni, libri.

Ed è con molto colpevole ritardo (dove molto vale sia per il colpevole che per il ritardo) che segnalo uno di questi libri, realizzato a fine 2017 per i sessant’anni dal lancio della capsula, opera di Studio Rebigo, studio creativo di base a Genova fondato da otto illustratori: Matteo Anselmo, Matilde Martinelli, Valeria Nieves, Alessandro Parodi, Luca Tagliafico, Ste Tirasso, Silvia Venturi, Arianna Zuppello.

Studio Rebigo, “Laika”, autoproduzione, 2017
(fonte: studiorebigo.it)

Intitolato semplicemente Laika, il libro è un’antologia che contiene otto storie a fumetti “silenziose” (cioè senza testo, per arrivare anche a chi non parla italiano) dedicate alla cagnolina russa e opera degli artisti di Rebigo, che hanno provato a immaginare degli sviluppi alternativi, surreali, poetici alla drammatica storia della giovane Kudrjavka.

64 pagine, stampato in blu e oro su carta usomano presso la Tipografia Reali di Milano e rilegato a filo refe, il volume si può acquistare online.

Studio Rebigo, “Laika”, autoproduzione, 2017
(fonte: studiorebigo.it)
Studio Rebigo, “Laika”, autoproduzione, 2017
(fonte: studiorebigo.it)
Studio Rebigo, “Laika”, autoproduzione, 2017
(fonte: studiorebigo.it)
Studio Rebigo, “Laika”, autoproduzione, 2017
(fonte: studiorebigo.it)
Studio Rebigo, “Laika”, autoproduzione, 2017
(fonte: studiorebigo.it)
Studio Rebigo, “Laika”, autoproduzione, 2017
(fonte: studiorebigo.it)
Studio Rebigo, “Laika”, autoproduzione, 2017
(fonte: studiorebigo.it)
Studio Rebigo, “Laika”, autoproduzione, 2017
(fonte: studiorebigo.it)
Altre storie
Grandissima Selezione: arriva il primo libro di fontanesi