Nel 1872 Charles Darwin diede alle stampe uno dei suoi libri oggi meno conosciuti, ma che all’epoca fu un vero best seller: L’espressione delle emozioni nell’uomo e negli animali. Nel saggio (che si può sfogliare integralmente online), il grande naturalista analizza il modo in cui le emozioni vengono espresse e ne identifica sette: felicità, tristezza, paura, disgusto, rabbia, disprezzo e sorpresa (due in più rispetto ai personaggi di Inside Out).

L’opera, che servì da base per molti, successivi studi di psicologia ed etologia, ha anche ispirato la campagna di comunicazione per la prossima London Design Biennale, che inaugurerà il prossimo settembre e avrà come tema principale proprio gli stati emotivi.

Ideata e sviluppata dalla prestigiosissima e pluripremiata agenzia Pentagram, la campagna si basa su sette maschere di carta — realizzate dal paper artist britannico Andy Singleton e fotografate da John Ross — che rappresentano le sette emozioni identificate da Darwin.

Gioia
(fonte: londondesignbiennale.com)

Sorpresa
(fonte: londondesignbiennale.com)

Tristezza
(fonte: londondesignbiennale.com)

Rabbia
(fonte: londondesignbiennale.com)

Paura
(fonte: londondesignbiennale.com)

Disgusto
(fonte: londondesignbiennale.com)

Disprezzo
(fonte: londondesignbiennale.com)

(fonte: creativeboom.com)

(fonte: creativeboom.com)

(fonte: creativeboom.com)

Gioia
(fonte: creativeboom.com)

Rabbia e sorpresa
(fonte: creativeboom.com)

Paura
(fonte: creativeboom.com)

Disprezzo e tristezza
(fonte: creativeboom.com)

[via]