fbpx
bang 0

Bang (la più imprevedibile rivista del mondo)

Un po’ portfolio, un po’ rivista sperimentale, Bang si auto-definisce come “il più imprevedibile magazine del mondo”. Un’iperbole, ovviamente, ma solo fino a un certo punto.
L’unica costante di Bang, infatti, è ospitare le opere del grande illustratore belga Klaas Verplancke e di farle dialogare con la grafica, affidando il progetto grafico del magazine a un designer differente per ciascun numero.

Classe 1963, con collaborazioni per alcune tra le più prestigiose testate, case editrici, agenzie e istituzioni a livello mondiale — dal New York Times al MoMA, dal New Yorker a Pentagram, dal Centre Pompidou a Thames & Hudson —, Verplancke è celebre per le sue illustrazioni ironiche e sagaci (un linguaggio, il suo, fatto di «triste umorismo, leggera serietà e cruda finezza», per citare il suo collega Christoph Niemann), e un segno minimale che caratterizza anche le animazioni che realizza.

bang 1
Bang #1
(fonte: bangmagazine.limited)

Nel primo numero di Bang, prodotto a quattro mani con la graphic designer Ines Cox, connazionale di Verplancke, i disegni e i frame delle animazioni si sposano perfettamente con l’idea di Cox di rendere visibile al lettore griglie, segnaposto, strumenti e simboli solitamente utilizzati nel “dietro le quinte” del lavoro di progettazione grafica e di impaginazione.

Bang #1 si può ricevere gratuitamente in formato PDF semplicemente compilando questo form oppure richiedere direttamente a Verplancke una copia in formato cartaceo delle pochissime che sono state stampate.

bang 2
Bang #1
(fonte: bangmagazine.limited)
bang 3
Bang #1
(fonte: bangmagazine.limited)
bang 4
Bang #1
(fonte: bangmagazine.limited)
bang 5
Bang #1
(fonte: bangmagazine.limited)
bang 6
Bang #1
(fonte: bangmagazine.limited)
bang 7
Bang #1
(fonte: bangmagazine.limited)
bang 8
Bang #1
(fonte: bangmagazine.limited)
Altre storie
Primary 4 Images 12
Cosa c’è nel nuovo numero di Primary Paper