È stato ristampato un libro del ’53 sulla storia della &

Considerato tra i padri della tipografia e della grafica moderna, il designer tedesco Jan Tschichold (1902–1974) scrisse testi fondamentali come Die neue Typographie e La forma del libro, che rivoluzionarono il modo in cui vengono impaginati i testi, la scelta dei caratteri tipografici e l’uso delle immagini nei libri.

Tra i suoi tanti saggi, però, ce n’è uno quasi dimenticato, pubblicato originariamente nel 1953 col titolo Formenwandlungen der &-Zeichen, letteralmente Cambiamenti di forma del segno &, e tradotto in inglese con A Brief History of the Ampersand.

Jan Tschichold, “A Brief History of the Ampersand”, -zeug, 2017

Il libro racconta la storia della & a partire dalle sue origini, che risalgono al primo secolo dopo Cristo, quando il segretario di Cicerone, uno schiavo liberato di nome Marco Tullio Tirone, legò la E e la T di et in un modo mai visto prima di allora, velocizzando le sue notae, che come spiega Tschichold erano l’antico equivalente dell’odierno speedwriting, usato per trascrivere i discorsi degli oratori.

Fuori catalogo da anni, A Brief History of the Ampersand di Tschichold è stato ristampato da un piccolo editore indipendente parigino, -zeug, accompagnato, come avevo già accennato qualche mese fa, da un altro volumetto che raccoglie 288 & realizzate da designer contemporanei: Et & Ampersands.

I due volumi si possono anche acquistare insieme.

Jan Tschichold, “A Brief History of the Ampersand”, -zeug, 2017
Jan Tschichold, “A Brief History of the Ampersand”, -zeug, 2017
Jan Tschichold, “A Brief History of the Ampersand ”, -zeug, 2017
“Et & Ampersands”, -zeug, 2017
“Et & Ampersands”, -zeug, 2017
“Et & Ampersands”, -zeug, 2017
“Et & Ampersands”, -zeug, 2017
co-fondatore e direttore
Mostra Commenti (0)

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Un messaggio

Frizzifrizzi è sempre stato e sempre rimarrà gratuito. Si tratta di un progetto realizzato ogni giorno con amore e con impegno. La volontà è di continuare a farlo cercando di tenere al minimo la pubblicità. Per questo ti chiediamo una mano — se vorrai — con una piccola donazione. Potrai farla su PayPal.

GRAZIE DI CUORE.