fbpx
Wired stationery R

Il designer Alex Robbins ha rifatto il logo di Wired usando strumenti di cancelleria

Oltre a un lungo elenco di collaborazioni con alcuni tra i maggiori editori, quotidiani e magazine del mondo (Penguin, Random House, New York Times, New Yorker, Washington Post, Guardian, TIME Magazine, Esquire, Atlantic, i-D, Dazed and Confused) il designer e illustratore inglese Alex Robbins ha anche una notevole collezione di strumenti e oggetti di cancelleria, che ha utilizzato per disegnare il logo dell’edizione inglese della rivista Wired, utilizzando penne e matite, temperini e portamine, cutter, puntine, graffette, rapidograph, pastelli a cera, compassi, pennarelli, gomme.

Wired stationery logo 1B

Wired stationery process

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Altre storie
invisible lines David B
Invisible lines: un progetto di formazione itinerante per talenti del fumetto e dell’illustrazione