fbpx
compendium rarissimus 10

Tesori d’archivio: ispirarsi a un antico trattato di demonologia per travestirsi ad Halloween

Il titolo è lungo, Compendium rarissimum totius Artis Magicae sistematisatae per celeberrimos Artis hujus Magistros.
L’autore sconosciuto.
La lingua: latino e tedesco.
L’epoca: la seconda metà del 18° secolo, probabilmente il 1775, anche se chi l’ha scritto e illustrato l’ha datato 1075, probabilmente per dare più autorevolezza al trattato (escamotage che funziona dalla notte dei tempi).

Dentro, accompagnati dalle istruzioni su come riconoscere e sconfiggere il maligno, e disseminati di simboli esoterici, decine di demoni, mostri bestiali con corna caprine, facce da tigre, orecchie da lepre, zampe e teste da uccello, ali di drago, peni al vento, sanguinolente vagine sputa-serpenti (come da tradizione misogina), tutti dipinti con l’acquerello e intenti a strappare membra, decapitare, perseguitare poveri cristiani.

La Public Domain Review, eccellente sito che scova vere e proprie perle negli archivi di pubblico dominio, ha trovato il manoscritto sul sito della Wellcome Library, la biblioteca del bizzarro quanto imperdibile museo londinese Wellcome Collection.
Con Halloween alle porte, il libro può diventare una straordinaria fonte d’ispirazione per il proprio travestimento. Ma anche se non ti interessano le mascherate, resta il fatto che il manoscritto si può anche scaricare per intero, persino in alta risoluzione (non male avere un poster del genere in casa, no?)

compendium_rarissimus_1

compendium_rarissimus_2

compendium_rarissimus_3

compendium_rarissimus_4

compendium_rarissimus_5

compendium_rarissimus_6

compendium_rarissimus_7

compendium_rarissimus_8

compendium_rarissimus_9

compendium_rarissimus_10

compendium_rarissimus_11

compendium_rarissimus_12

compendium_rarissimus_13

compendium_rarissimus_14

compendium_rarissimus_15

compendium_rarissimus_16

compendium_rarissimus_17

compendium_rarissimus_18

compendium_rarissimus_19

Altre storie
beautyofheavensp00blun 0037 edited
Tesori d’archivio: le tavole di un libro di astronomia per famiglie dell’800