fbpx
workweek info

Un sito ti dice (in percentuale) quanto manca al weekend

Si chiama Workweek.info (più chiaro di così?), visitare il lunedì mattina è oltremodo devastante ed ha una sola funzione: dirti quanto manca prima di poter dire addio—almeno temporaneamente—alla scrivania, alla postazione, alla cassa o a qualunque sia il luogo in cui lavori, e salutare, finalmente, la ritrovata “libertà” dell’agognato fine settimana.

Ogni venerdì, puntualmente, una delle parole più condivise in assoluto sui social network è appunto “venerdì” (ma c’è pure chi comincia prima, per darsi forza, per inguaribile ottimismo), ma magari sapere che ti manca solo il 5 o il 6% del lavoro da fare prima di goderti la serata e poi il sabato e infine un’intera domenica per ripigliarti dal sabato o per rattristarti davanti a un nuovo lunedì, beh, forse ti farà sentire come la batteria di uno smartphone ma vuoi mettere?

workweek_info_2

Workweek.info, oltre a calcolare il tempo esatto di quanto hai già fatto e di quanto ti resta, ti sprona con tutta una serie di informazioni e consigli solo apparentemente motivazionali visto che l’intento di chi ha realizzato il sito—Gabe Ferreira, graphic designer di origine brasiliane, di base in California e già autore di un piccolo capolavoro come Poop in Trump—è puramente satirico (tra i messaggi che scorrono a fondo schermo c’è anche scritto: «Questo sito è satira», e c’è scritto anche: «Il modo in cui il sistema costringe la maggior parte di noi a lavorare è satira»).

Il calcolo si basa unicamente su chi fa il classico orario fisso da ufficio, dalle 9,00 alle 18,00. A tutti gli altri, ad esempio alle partite IVA come il sottoscritto, resta da decidere se invidiare o compatire chi può utilizzare Workweek.info, che tra l’altro, una volta aperto il sito sul browser, se lo lasci lì mentre continui a navigare altrove, continua ad aggiornare la percentuale in tempo reale, in modo da poterla tener d’occhio costantemente, con entusiasmo o con sgomento.

Altre storie
color controversy 1
Quali sono i colori più “controversi”?