fbpx
graffitiremoval 7

Graffitiremovals: quando cancellare diventa involontariamente arte

Più che mai d’attualità, visti i fatti di Bologna, la cancellazione dei graffiti vive in quel territorio grigio (e di nuovo la mente va a Blu) in cui l’eliminazione di una propria opera come atto politico si trova a dover convivere con gli assalti dei comitati cittadini anti-degrado, gli interventi delle istituzioni (quasi sempre sotto campagna elettorale) e azioni situazioniste a volte totalmente inconsapevoli, come quasi sempre inconsapevole è il risultato ottenuto dai “cancellatori assatanati” che spesso—attraverso le chiazze prodotte da acqua, sapone e olio di gomito, oppure le “toppe” colorate che coprono tag e graffiti—diventa a sua volta vera e propria arte, paradossalmente realizzata da chi non sa apprezzarla.

Un sito, dal nome Graffitiremovals, e il relativo e ben più aggiornato profilo Instagram @graffitiremovals da qualche mese sta raccogliendo proprio esempi di arte casuale e involontaria di questo genere: ce ne sono a decine, alcuni davvero pazzeschi nella loro surreale bellezza. E chiunque ne veda uno, per strada, può inviarlo per vederlo pubblicato.

(tutte le foto via Graffitiremovals)
(tutte le foto via Graffitiremovals)

graffitiremoval_7

graffitiremoval_3

graffitiremoval_6

graffitiremoval_4

graffitiremoval_10

graffitiremoval_11

graffitiremoval_9

graffitiremoval_1

graffitiremoval_8

graffitiremoval_2

graffitiremoval_12

Altre storie
BBDB 2020 11 24 il gorogo 7931
Formula: la poetica di Aris incarnata in un libro-capolavoro prodotto da Gorgo