I colori di Kubrick

La moquette del corridoio di Shining, la tuta spaziale di David Bowman, l’occhio di HAL 9000 e la stanza coi moduli della sua memoria in 2001: Odissea nello spazio, il Napalm di Full Metal Jacket, le maschere di Eyes Wide Shut, i costumi dei romani in Spartacus, le divise di Barry Lyndon. E poi il sangue, fiumi di sangue in qualche caso. Che il grande Stanley Kubrick avesse una predilezione per il rosso è cosa nota e, anche se non ci si sofferma ad analizzare ogni singolo film, il rosso di Kubrick ti si installa nella testa inquadratura dopo inquadratura: dalle carte dai parati, dai divanetti, dai tappeti, dalle porte di un ascensore, dal pavimento di una camerata, dal volante di una macchina, dalle camicie e dalle vesti.

Un anno fa il filmmaker Rishi Kaneria pubblicò un video che montava insieme appunto le scene “in rosso” dei capolavori del regista americano.
E a quel video si è ispirato un altro appassionato cinefilo, Marc Anthony Figueras, che però ha ampliato la scala cromatica aggiungendo il blu, il giallo, il viola, il rosa, l’arancio, il verde e il bianco e nero, in un altro “supercut” che puoi goderti cliccando play lassù in alto e rievocando le tue vecchie kubrickiane visioni.

kubrick_color_1

kubrick_color_2

kubrick_color_3

kubrick_color_4

kubrick_color_5

kubrick_color_6

kubrick_color_7

kubrick_color_8

kubrick_color_9

kubrick_color_10

[via]

Altre storie
Coleotteri che non esistono