La scrivania di Wile E. Coyote

Chiunque abbia visto almeno un episodio di Wile E. Coyote (quello che da bambini chiamavamo Willy Coyote) avrà desiderato entrare negli strabilianti—perlomeno così, credo, ce li siamo immaginati tutti—stabilimenti della ACME, la fantomatica azienda che vendeva di tutto, dai mattoni all’aspirina, dal becchime di cui vanno golosi i roadrunner agli esplosivi, dai fulmini al tonico che ti fa andare superveloce.

Comparsa per la prima volta proprio negli episodi del coyote più famoso del mondo e poi dilagata nel mondo della fiction in tutta una serie di omaggi e rimandi (vedi altre serie della Warner Bros ma anche Roger Rabbit e i Griffin), la ACME potrebbe aver preso il proprio acronimo proprio dalla sua peculiare capacità di produrre qualsiasi cosa.

La prima stampa dedicata da Rob Loukotka ai prodotti della ACME, realizzata nel 2012
La prima stampa dedicata da Rob Loukotka ai prodotti della ACME, realizzata nel 2012
A Company Making Everything o American Companies Manufacture Everything, suggerisce Wikipedia, ma uno degli animatori di punta della Warner Bros. Cartoons, Chuck Jones, in un documentario sulla sua carriera uscito nel 2009 e intitolato Chuck Jones – Memories Of Childhood, rivelò che il nome ACME si ispirava alle omonime aziende americane che nacquero negli anni ’20, quando cominciarono a diffondersi le prime pagine gialle e tutti corsero a registrare marchi che cominciassero con A, con decine e decine di ACME (che inizia per A e nella sua etimologia greca significa eccellenza) che producevano di tutto e di più.

Ma quanti prodotti ha poi davvero messo sul mercato l’azienda? Se l’è chiesto l’illustratore americano Rob Loukotka, che nel 2012 ha raccolto oltre 100.000 dollari, su Kickstarter, per realizzare un poster che contenesse ogni singolo oggetto (o giù di lì) a marchio ACME apparso negli episodi di Wile E. Coyote, per un totale di 126 elementi.

Ora, poco più di tre anni più tardi, Loukotka è tornato alla carica con un’altra stampa illustrata, che si acquista online e che stavolta ritrae l’ipotetica scrivania/laboratorio del coyote, immaginata dentro a una caverna e contenente tutti e 126 i prodotti, infilati un po’ ovunque, assieme a tutta una serie di citazioni a questo o a quell’episodio della serie.

DeskofMrCoyote_FringeFocus_Regular-940x313

DeskofMrCoyote_FringeFocus_VariantCLOSEUPTWO

DeskofMrCoyote_FringeFocus_RegularCLOSEUP

CoyoteDesk_1-1024x576

CoyoteDesk_2-940x529

co-fondatore e direttore
Mostra Commenti (0)

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Un messaggio

Frizzifrizzi è sempre stato e sempre rimarrà gratuito. Si tratta di un progetto realizzato ogni giorno con amore e con impegno. La volontà è di continuare a farlo cercando di tenere al minimo la pubblicità. Per questo ti chiediamo una mano — se vorrai — con una piccola donazione. Potrai farla su PayPal.

GRAZIE DI CUORE.