I Kanzashi di Sakae

11013265_618798814920187_8668552446566936930_o

Nell’abbigliamento tradizionale giapponese, a partire dal periodo Edo (prima i capelli erano portati perlopiù sciolti e molto lunghi, con le acconciature chiamate taregami) le donne ornavano i capelli raccolti con i Kanzashi, dei fiori realizzati perlopiù da piccoli pezzi di stoffa piegati, accostati e cuciti tra loro e retti da fermagli metallici (pare che nei secoli scorsi potevano – alla bisogna – essere usati anche come armi di difesa). Oggi sono usati per le cerimonie, dalle spose o dalle geishe e dal loro numero e della loro complessità si capisce che in che stato è la signora in questione (maiko e cioè apprendista o geisha).

L’artista giapponese Sakae prendendo ispirazione dai tradizionali kanzashi realizza dei bellissimi ornamenti per capelli in resina colorata e filo d’ottone per il fermaglio e i bordi. Delle piccole opere d’arte iper-realistiche realizzate ovviamente a mano, ogni pezzo è unico e venduto online con degli annunci che lei mette sul suo sito o sulla pagina Facebook (qui anche Pinterest).

10712615_590205861112816_1642768896528009707_o

1278138_445895312210539_1628067939_o

11754295_679455418854526_6758244702626311976_o

11224847_679455412187860_8000591767327148744_o

11220762_673919799408088_4711668446015699333_o

11707733_673919849408083_8195030178441408755_o

10583013_527739430692793_8043552277644330035_o

11118477_666860343447367_1953485448643614747_o

11538073_666858776780857_4643728194415004482_o

11265469_658077277659007_8512654406641893517_o

11130490_642439055889496_6094124983091093659_o

1780100_558495554283847_8947498673631374812_o

11084088_642439005889501_1324421933872807796_o

10991483_611315935668475_2216930357208969595_o

10911318_580543952079007_7321695718914538869_o

1502277_397671490366255_1367238711_o

10465435_485211504945586_1698329783615399830_o

10498557_485211381612265_7759920603201507401_o

10397276_469021893231214_7618726946910775363_o

10380025_469022109897859_3806754169900875175_o

Altre storie
Laju Slow Apparel: un nuovo marchio che è un inno alla lentezza