ZERO_ALL_01_DSC_0140

Quella di Superleggero e del suo fondatore, Antonello Tabarelli de Fatis, è una storia che parte da lontano, nel tempo e nello spazio.

Nel tempo perché la famiglia Tabarelli de Fatis è legata a doppio filo a una regione, il Trentino-Alto Adige, fin da quando la zona faceva ancora parte dell’Impero Austro-Ungarico: era il 1880 e Teodoro Tabarelli de Fatis fondò ad Arco, cittadina tra le Alpi e il lago di Garda, un’azienda di design, che poi di padre in figlio in nipote si spostò a Bolzano, iniziò a collaborare con progettisti del calibro di Dino Gavina, Carlo Scarpa, Cesare Cassina, Paolo Boffi, i Fratelli Bernini… Fin quando, nel 2000, Antonello Tabarelli de Fatis, bis-nipote di Teodoro, designer a sua volta, chiuse l’azienda di famiglia, iniziò a collaborare con alcuni tra i più prestigiosi marchi del settore, si trasferì a Zurigo e da lì è tornato tra le sue amate montagne, dove oggi dirige il “laboratorio di idee” Aerodinamica.

Nello spazio perché dopo aver macinato migliaia di chilometri in sella a una bici, d’inverno e d’estate, sfrecciando lungo verdi pianure e arrampicandosi su irte salite, Antonello — che è nato in agosto e odia il freddo — ha deciso di realizzare una collezione di berretti e di sciarpe pensate proprio per i ciclisti.

LEGGERA_PINK_02_DSC_0020

«Sono stato il primo a introdurre, nel 2008, il termine snood nel mondo del ciclismo», spiega il designer, «l’intento era disegnare una moderna combinazione tra uno scaldacollo e un berretto; il risultato è una moderna evoluzione della classica “berretta”, elegante, e dal design minimale ed essenziale. Assolutamente traspirante e isolante, assolutamente caldo… Siamo stati i primi ad utilizzare un filato di cashmere misto a lana merino superfine in un accessorio sportivo».

Ed ecco quindi berretti e snood per l’inverno, quando le temperature scendono sotto zero, e per autunno e primavera.
Oltre a sciarpe e foulard in seta per l’estate.

Ispirati ad alcune tra le maglie delle storiche gare di ciclismo (Giro ma anche Tour de France e Giro del Delfinato) e pensati per essere indossati anche una volta scesi dalla bici, i prodotti sono tutti made in Italy e realizzati con materiali lavorati in Italia: lana merino, appunto, cachemere Zegna Baruffa e seta di Como.

SOTTOZERO_PURPLE_03_DSC_0073

SOTTOZERO_JAUNE_04_DSC_0082

ZERO_ALL_02_DSC_0122

ZERO_ROUBAIX_05_DSC_0137

LEGGERA_WHITE_01_DSC_0011

LEGGERA_CRITERIUM_002_DSC_008

LEGGERA_GRIMPEUR_02_DSC_0039

LEGGERA_GRAND_PRIX_02_DSC_0034

R0016419_bn

R0016374_bn