Da Batman al Grande Lebowski, le matriosche di Andy Stattmiller

andy_stattmiller_1

Esiste un modo per conservare e moltiplicare il kitsch all’infinito? Pare che Andy Stattmiller, artista americano di stanza a San Francisco, sembra aver trovato la formula più efficace.

Prendete un appassionato di fumetti di prima categoria, un geek di tutto rispetto capace di discutere per ore e ore di Marvel, Dc, film e telefilm di culto. Se unite gli ingredienti, scoprite una delle chicche nascoste nel portfolio dell’artista statunitense. Re-inventando/dissacrando la tradizione russa, Andy ha ridisegnato i profili delle celebri matriosche sostituendo all’insieme di bamboline personaggi del mondo dei fumetti e del cinema.

Fra questi, uno dei pezzi della collezione contiene 8 protagonisti della saga di Batman (Batman, Robin, Joker, Batgirl, l’Enigmista, Alfred, Catwoman e The Penguin) per un ordine di grandezza complessivo che da va da 20 centimetri a poco meno di 2. Tutti i set sono dipinti a mano con vernice acrilica e la dovizia di dettagli, vedere per credere, è impressionate.

andy_stattmiller_1b

Non si tratta solo di goliardia, visto che questo e altri pezzi sono entrati a far parte della mostra inaugurata il 1 maggio presso la Gallery 1988 di Los Angeles, all’interno di Idiot Box 2, esposizione dedicata a opere ispirate alla televisione.

Tuttavia non è solo il mondo del fumetto ad appassionare Andy; proseguendo nella lettura del portfolio ci si imbatte un po’ in tutto, dal tributo al compianto Robin Williams, ai personaggi de Il Grande Lebowski fino a quelli di Breaking Bad.
E c’è anche Steven Seagal, la cui bambolina è apparsa addirittura sulle pagine di Playboy.

andy_stattmiller_2

andy_stattmiller_4

andy_stattmiller_2b

andy_stattmiller_2

andy_stattmiller_3b

andy_stattmiller_3

andy_stattmiller_4

contributor

Commenta

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Altre storie
Il nuovo numero di Eye Magazine è interamente dedicato alla tipografia