Galassia a spirale. Ingredienti: bicarbonato, curry, gesso, sale, zucchero, cannella.

Foto dallo spazio fatte con cibi, bevande e uno scanner

Da quando, quasi vent’anni fa, ho avuto il mio primo scanner, ho scansionato di tutto: documenti da firmare, fotografie, pagine di libri, manuali di istruzioni, penne, matite, etichette di vestiti, sostanze psicotrope, composizioni di fogli e sassi, persino uno specchio (per vedere l’autoritratto di uno scanner) e pure (ehm) certe parti del corpo.
Mai, però, (almeno prima di vedere i celeberrimi Scanwiches, che per mesi furono le superstar assolute del web) mi è venuto in mente di dare in “pasto” a quel fascio di luce roba commestibile come sale, burro, olio, spezie, zucchero…

L’idea invece ce l’ha avuta il fotografo americano Navid Baraty, che proprio utilizzando acqua, bevande, cibi e coloranti alimentari ha realizzato una serie di foto intitolata Wander Space Probe, componendo sullo schermo del suo scanner immagini che sembrano arrivare dal telescopio Hubble, puntato verso lo spazio profondo alla ricerca degli angoli più interessanti del cosmo.

Stelle fatte di sale, zucchero, farina, cannella, cumino. Nebulose d’olio d’oliva, burro e curry. Pianeti d’acqua, latte di cocco e colorante. Buchi neri creati con bicchierini di caffè. Più qualche ingrediente non commestibile come i peli di gatto o i trucchi per il make-up. E una buona dose di olio di gomito e sgrassante per ripulire il tutto, alla fine di ogni “scatto”.

Ingredienti del buco nero: fondo di bicchiere riempito di caffè, sale, zucchero, farina di mais, cannella.
Ingredienti del superammasso: farina, zucchero, sale, olio d’oliva, cumino, curcuma, cannella, curry, aglio in polvere, acqua.
Ingredienti del pianeta: fondo di bicchiere contenente acqua e colorante alimentare.
Ingredienti delle stelle: sale, cannella, lievito.
Galassia a spirale.
Ingredienti: bicarbonato, curry, gesso, sale, zucchero, cannella.
Ingredienti del pianeta di ghiaccio: fondo di bicchiere contenente acqua e colorante alimentare.
Ingredienti dei satelliti, gel di silice, colorante alimentare.
Ingredienti delle stelle: zucchero, cannella e cumino.
Ingredienti della nebulosa: makeup, olio d’oliva, gesso, talco, sale, acqua
Ingredienti della galassia lontana: olio d’oliva, olio di sesamo, acqua, cumino, cannella, farina.
Ingredienti del pianeta: fondo di bicchiere contenente acqua e colorante alimentare.
Ingredienti dei satelliti: fondi di bicchiere contenenti latte di cocco, acque e coloranti alimentari.
Ingredenti delle stelle: sale, cannella, lievito, pastiglie.
Ingredienti dell’ammasso globulare: bicarbonato, sale, zucchero, curry, cannella.
Ingredienti della nebulosa con getti di gas: pelo di gatto, aglio in polvere, sale, farina, cumino, curcuma.
Ingredienti dei due pianeti: fondi di bicchire contenenti acqua, latte di cocco, colorante alimentare.
Ingredienti dell’“anomalia spettrale”: burro, sale, colorante alimentare.
co-fondatore e direttore
Mostra Commenti (1)

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Un messaggio

Frizzifrizzi è sempre stato e sempre rimarrà gratuito. Si tratta di un progetto realizzato ogni giorno con amore e con impegno. La volontà è di continuare a farlo cercando di tenere al minimo la pubblicità. Per questo ti chiediamo una mano — se vorrai — con una piccola donazione. Potrai farla su PayPal.

GRAZIE DI CUORE.