fbpx
winners group
le tre sedie-tappo vincitrici del concorso

Sedie fatte coi tappi dello champagne

le tre sedie-tappo vincitrici del concorso
le tre sedie-tappo vincitrici del concorso

È il classico dei classici di quando sei bambino: i grandi aprono la bottiglia di “bollicine”, e se la bevono. Mentre a te rimane il tappo. Che a modo suo, semmai un tappo possa avere “modi”, è una specie di test della personalità, capace di predire talenti e future professioni in base all’uso che ne fa il pargolo. In tappo veritas!

Ad esempio chi lo maneggia un po’ poi si annoia, non sa che farci e lo lascia lì sul tavolo, è evidente che da grande diventerà uno di quelli che alle domande dei sondaggi risponde “non so”, uno che manca totalmente di empatia, uno incapace di prendersi responsabilità e impegnarsi in alcunché e tutto quel che saprà fare è tirare avanti e lamentarsi, tirare avanti e lamentarsi.
Poi c’è quello che aspetta, aspetta, aspetta con tenacia e pazienza che venga aperta un’altra bottiglia per consegnare quindi il nuovo tappo a qualcun altro e ingaggiare con lui una furiosa battaglia. Ecco, quello è lo sportivo.
E c’è il futuro imprenditore, che piglia il tappo, va da un bambino più piccolo o comunque più tonto e lo convince a scambiarlo col suo pupazzo di Superman.

la prima classificata: “Crescent Chair” di Bruce Hirschman
la prima classificata: “Crescent Chair” di Bruce Hirschman

Io ad esempio prima passavo anche un’ora a costruire qualcosa che inesorabilmente non funzionava e poi lo distruggevo grattando via il sughero pezzo dopo pezzo per farci piccole montagne. Se il bimbo fa così, lo sai già: da grande diventerà com me.
Ma c’è anche chi, con tappo, stagnola e fil di ferro, è in grado di fare meraviglie. La prossima generazione di designer e lì, annoiata a una festa, che smanetta sopra un tavolo e costruisce meraviglie che solo i camerieri al momento di sparecchiare, forse, sapranno apprezzare.

E forse per ricordare il momento in cui, a un barboso pranzo di matrimonio, hanno scoperto il loro vero talento, quei futuri designer e architetti da grandi poi parteciperanno a un concorso come quello indetto dal negozio online Design Within Reach, che ogni anno indice un contest intitolato DWR Champagne Chair Contest, a cui si partecipa costruendo una sedia con un tappo di champagne.
Tra tanti lavori brutti e mediocri ci sono dei veri e propri gioiellini (alcuni dei quali migliori dei tre vincitori), spesso ispirati a sedute d’autore che hanno fatto la storia del design, o frutto di ebbra ironia (ché poi da grande, prima di metterti a costruire una sedia col tappo, magari la bottiglia te la bevi pure), tipo il water.

la seconda classificata: “Bubbly Chair” di Zach Martin
la seconda classificata: “Bubbly Chair” di Zach Martin
la terza classificata: “Piper Beach Chair” di Jeffrey Burke Whitten
la terza classificata: “Piper Beach Chair” di Jeffrey Burke Whitten

7b8df2bb-6ff0-4123-9876-9c73e69c9adb

ff5d0502-01b0-4808-8066-b3a74bc03124

7350e05f-0770-40f6-8ee7-243a408153d9

cb3ade2b-4007-4433-9cf0-9a38773699b8

fc7f5127-0922-4d5d-bc1a-586b587613f6

ec9ffb54-2890-41f3-a52f-d510ec40558b

51e0ff4c-a17a-4c76-9ede-1780d876aeaa

6a3eac52-224e-407a-9ec9-8ce8bd52c719

b6b80904-3032-45eb-b69a-d054c951ec2f

0cd51884-b564-4c6c-a367-eaecc2045132

16c58362-76cb-453d-9974-ca307bd7a70d

c7420602-ca01-4d96-99be-f2285ba3fb4e

b10656b8-fdaf-4873-adfe-6aac1397d691

aeccd7ea-874f-422c-8794-943dba6f38d4

4bcd5782-22bf-480a-9c6b-f1a7958a3bae

126c6cfc-80a3-450b-b3b2-3aba170589d5

6d3c49cd-aa9c-4d14-a795-1e250e6e3146

d08e88f3-6a6d-4fbd-ac94-779ed0097926

36bc9db7-5042-4228-9056-aec14aa03a13

81d2ef87-8ecf-4301-af46-51f73ff13c5d

co-fondatore e direttore

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Altre storie
soapjournal 3
Tesori d’archivio: un account Instagram con le grafiche delle vecchie saponette