fbpx
1 AndrominaMagazine

Andròmina Magazine: la sicurezza degli oggetti (e di chi li ha progettati)

1_AndrominaMagazine

In catalano Andròmina significa rottame, qualcosa che un tempo, per qualcuno, aveva un valore, un significato, un’utilità ma che poi, a un certo punto, ha finito per diventare un rifiuto, un avanzo.

Un nome azzeccatissimo per un nuovo magazine “made in Barcellona” che si propone di parlare di oggetti, della vita di chi li usa o li ha usati, del senso (o, più spesso, del non-senso) che ha accumularli, dell’importanza che le cose hanno assunto nella nostra epoca di iper-produzione e cultura usa-e-getta, ma anche della storia che c’è dietro agli oggetti stessi e quindi la progettazione, la produzione, l’uso “canonico” e quello invece frutto del caso, della decontestualizzazione, del colpo di genio.

Sotto la direzione creativa di Albert Romagosa, che ha curato anche il design editoriale, il primo numero di Andròmina — 112 pagine piene di contributi scritti, su invito, da designer, artisti, architetti che parlano del loro stesso lavoro, della loro stessa “roba” — è in vendita online.

E se decidi di mettertene una copia in libreria, magari puoi sistemarla accanto a questo pamphlet che ti spiega come liberarti dalle cose superflue.

6_AndrominaMagazine

15_AndrominaMagazine

7_AndrominaMagazine

8_AndrominaMagazine

11_AndrominaMagazine

12_AndrominaMagazine

18_AndrominaMagazine

21_AndrominaMagazine

22_AndrominaMagazine

Altre storie
il giro del mondo in 80 bicchieri 1
Fare il giro del mondo in 80 bicchieri con un atlante degli alcolici