Partecipa al Booktober. Dal 1º al 31 ottobre.

A volte ritornano: i look di Twin Peaks

clotes_twinpeaks_1

La comunità geek/nerd di Twin Peaks-addicted, di cui faccio ahimé parte, che in realtà stava già in allerta dal lontano 10 giugno 1991 (quando Laura sussurrava placidamente un I’ll see you in 25 years) è ora in preda ad una serie infinita di micro-attacchi cardiaci, in seguito alla notizia ufficiale, uscita dai 140 caratteri di M. Lynch in persona sul suo account di Twitter:

Stavolta la domanda non è “chi ha ucciso Laura Palmer?” (spoiler alert per chi non l’ha ancora visto — che lo sappiamo già dalla puntata 10 sella seconda serie…), ma “ce la faranno i fan ad aspettare il 2016?”.

clotes_twinpeaks_2

C’è grande attesa e tensione nel web; stracciamento di vesti, strappo di capelli, delirio, urla adolescenti, convention, festival e moltiplicarsi di account su twitter e instagram.
E tra i vari Gufo-addicted ci sta pure una designer italiana, Clotes, che non ce la faceva più: vuole la leggenda che si sparò la serie 1 e 2 in loop sul portatile di fianco alla macchina da cucire, e seguendo il mio esempio ha riproposto i look più famosi.

Quindi compagni di attesa, se pensavate di trovare tutto su internet vi sbagliavate, la felpa di Nadine della Twin Peaks High School ce l’ha solo lei.
Se volete far cadere ai vostri piedi tutti gli uomini di Twin Peaks (o Cinisello balsamo) c’è anche il vestito di Lana Budding Milford, la vedova allegra.

clotes_twinpeaks_3

Se invece siete dei surfisti laureati in psichiatria e con un bizzarro senso della moda ma non sapete mai cosa mettervi, c’è anche qualcosa dal guardaroba del dottor Jackoby (qui magistralmente interpretato dal creatore di Gartenkultur).

E per tenersi aggiornati sull’uscita di nuovi modelli, che probabilmente arriveranno prima del 2016, potete seguire la pagina facebook di Clotes.

contributor
Mostra Commenti (0)

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Un messaggio

Frizzifrizzi è sempre stato e sempre rimarrà gratuito. Si tratta di un progetto realizzato ogni giorno con amore e con impegno. La volontà è di continuare a farlo cercando di tenere al minimo la pubblicità. Per questo ti chiediamo una mano — se vorrai — con una piccola donazione. Potrai farla su PayPal.

GRAZIE DI CUORE.