L’Italia, la carnazza, le donne-oggetto

MIT_1

Incontro Fortuna Todisco in una caldissima giornata di giugno. Lei, barese trapiantata a Milano, è una vecchia conoscenza di Frizzifrizzi, ho già scritto di lei svariate volte — spesso giocando sull’incredibile numero di anagrammi che il suo giocoso nome permette di comporre — e, dopo averla conosciuta online, insieme a lei ho fatto pic-nic, girato tra gli stand del Salone del Libro di Torino, accarezzato caprette, bevuto aperitivi e parlato di braccia (è una lunga storia che forse un giorno racconterò).

Fortuna è a Bologna per ritirare (da Inuit) le risograph della sua ultima serie, che di lì a pochi giorni presenterà da Quadra, la mostra/mercato dedicata all’illustrazione che si è tenuta a Milano il 14 e 15 giugno scorsi.

Ci sediamo in un bar a bere. Con noi c’è il Broggi, caro amico di entrambi, in veste di compagno di bevute ma anche di pornomane e pornofilo, qualifiche che si riveleranno più che mai utili in una conversazione che nei suoi momenti più bassi (e più alti) arriverà a toccare svariate pratiche sessuali sicuramente fuorilegge in diversi Paesi, feticismi vari ed eventuali, frammenti di storia del porno anni ’70.

MIT_2

A stimolarla, tale conversazione, oltre all’aria da attore di un poliziottesco d’annata del Broggi, l’ultima serie di illustrazioni di Fortuna, quelle uscite fresche fresche di stampa e intitolate MIT, ora in vendita nel suo negozio online: 7 stampe in tutto, la scelta del risograph al posto della serigrafia perché, andando controcorrente, a lei piace fare tante copie.
«Voglio che i miei lavori li abbiano più gente possibile. A prezzo basso», dice.

MIT come carne (meat) ma anche come Italia, per una serie di figure femminili ritratte come quarti di bue: una cartina al tornasole della condizione — ancora attualissima — della donna nel nostro Paese.

Donne pollo, donne insalamate, donne passate al tritacarne o col di dietro che si apre a fiore come in una bella esposizione di affettati…
Le “modelle” — e si vede anche dalle acconciature — sono tutte ispirate alle riviste soft-porno degli anni ’60 e ’70, scovate grazie ad amici collezionisti e sugli archivi online.
«Se facessero una ricerca sulla cronologia del mio browser potrebbero pensare strane cose di me», dice Fortuna ridendo. E continua con «Ho delle immagini che voi umani…» mentre il caro Broggi, i basettoni al vento, guarda il cielo con un sorriso a 32 denti, intento a far mente locale sulla sua, di cronologia del browser.

MIT_3

La storia della cronologia innesca una delle svariate, lunghe parentesi sul porno che si portano via gran parte della conversazione e almeno un paio di birre a testa, per tornare infine alla carne. Già, la carne. Da dove arriva? La carne delle illustrazioni, intendo.
«Ho usato foto prese online poi ho fatto dei collage con le donne e infine ho disegnato» dice Fortuna. «Faccio sempre mille collage prima di trovare la composizione giusta e poi iniziare a disegnare».

Un’estremizzazione, ovviamente, l’accostamento donna-quarto di bue.
«Non così estremizzata. Io la vedo così», spiega. «Anche sul cibo stiamo vivendo un momento di ossessione e di “pornografia”. Nei fatti di cronaca… È l’epoca in cui viviamo a essere pornografica. E la condizione femminile non è che si sia evoluta poi molto dagli anni ’70 a oggi. Anzi».

E si va avanti a sorseggiare, a guardar le braccia delle signore che passano, le gambe delle ragazze in shorts, l’irreale incarnato color marrone dorato di un lampadato quarto di bue al maschile che passa di lì.

MIT_4

MIT_5

MIT_6

MIT_7

co-fondatore e direttore
Mostra Commenti (0)

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Un messaggio

Frizzifrizzi è sempre stato e sempre rimarrà gratuito. Si tratta di un progetto realizzato ogni giorno con amore e con impegno. La volontà è di continuare a farlo cercando di tenere al minimo la pubblicità. Per questo ti chiediamo una mano — se vorrai — con una piccola donazione. Potrai farla su PayPal.

GRAZIE DI CUORE.