fbpx
the infinite finitude studio sybrandy 3

The infinite finitude | una collezione di porcellane decorate con le bolle di sapone

the_infinite_finitude_studio_sybrandy_3

Le bolle di sapone—che d’ora in poi chiameremo b.d.s.—per il loro essere effimeri giochi di volumi e colori, meraviglie che si manifestano e poi spariscono nel nulla nell’arco di pochi istanti, si sono sempre prestate a svariate metafore: da quelle sul senso della vita (che è come una b.d.s.) a quelle economiche («la new economy di fine anni ’90 inizio 2000 è stata una gigantesca b.d.s.!»), da quelle critiche («la sua teoria, esimio dott.prof.comm. Due Maroni, è solo una gigantesca b.d.s.») a quelle sentimentali da Baci Perugina («l’amore è una b.d.s.», firmato Oscar Wilde, a cui viene attribuito ogni aforisma in cerca d’autore).

Niente come una b.d.s. riesce a simboleggiare la fragilità della condizione umana, di una civiltà che ha origine dal caso, che discende da un mucchietto di batteri, è transitata per oceani, foreste e ghiacciai, è scesa dagli alberi, ha iniziato a disegnare sulle pareti delle caverne, ha inventato la scrittura, scoperto la matematica, conquistato ogni terra o ogni mare, messo piede sulla luna, creato un mondo virtuale e che un giorno—tra qui e quattro miliardi di anni—non lascerà alcuna traccia di sé sulla distorta linea temporale dell’universo.

Homo bulla est, sostengono i designer olandesi di Studio Sybrandy, che hanno ideato e realizzato una collezione di porcellane decorate proprio utilizzando una composto speciale che permette di fissare, soffiando nel classico cerchietto dentellato, il colore sulla porcellana, ottenendo così pezzi unici frutto del caso, che portano addosso un’impronta della precarietà del vivere ben più duratura del solito alone umido su una superficie.
Ad accompagnare piatti, tazzine e ciotole uno speciale cucchiaino da caffè ispirato al cerchio col quale si soffiano le b.d.s., a dimostrazione che in questa precaria vita si può non smettere mai di giocare.

the_infinite_finitude_studio_sybrandy_4

the_infinite_finitude_studio_sybrandy_2

the_infinite_finitude_studio_sybrandy_1

co-fondatore e direttore

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Altre storie
Tomasz Smutek A05A
I pattern di Lublino: un progetto del giovane designer polacco Tomasz Smutek