Save the date | Leggere fotografie (fase due)

leggere_fotografie_fase_due_1

Lo scorso dicembre il Centro di Arte Moderna e Contemporanea della Spezia ha inaugurato una nuova fase espositiva dedicata alla fotografia, sviluppando su tre piani del museo altrettanti percorsi concettuali attorno al linguaggio fotografico, affrontato dal punto di vista del ruolo delle istituzioni museali e delle collezioni private, promuovendo artisti locali ma dal talento riconosciuto a livello nazionale e internazionale e offrendo infine una panoramica storica sull’editoria a tema fotografico.

Proprio quest’ultima sezione, chiamata Leggere fotografie, entrerà domani nella “fase due” del progetto, curato, come nella “fase uno”, da Francesca Cattoi, Mario Commone e dalla nostra vecchia conoscenza Saul Marcadent (che gestisce un sito di cui sono personalmente un grande ammiratore: This is not paper).

leggere fotografie, veduta dell'allestimento_1

Grande protagonista di questa nuova esposizione sarà la collezione di Christoph Schifferli, svizzero, tra i più grandi collezionisti d’Europa. Dal suo archivio sono stati scelti quaranta libri di fotografia che presentano le opere di pesi massimi come Luigi Ghirri, Bernd e Hilla Becher, Vito Acconci, Gordon Matta-Clark, Tacita Dean, Luigi Ontani, Gilbert & George e John Baldessari.

Abituati a libroni da sfogliare con estrema cautela (o peggio ancora “intoccabili”) l’idea di Leggere fotografia di digitalizzare pian piano tutti i volumi in modo tale da proteggere gli originali dentro a una teca ma di renderli totalmente sfogliabili tramite tablet la trovo strepitosa (dimostrando che un’esposizione museale non è qualcosa di immobile e immutabile ma al contrario dinamica e sensibile alle nuove tecnologie, usate in questo caso in maniera intelligente e utile al visitatore e non come semplice specchietto—elettronico—per allodole).

leggere fotografie, veduta dell'allestimento_2

A completare la mostra un documentario, realizzato dal collettivo Lele Marcojanni, su Christoph Schifferli, che segue l’analogo documentario girato sul collezionista le cui opere sono state utilizzate per la “fase uno” del progetto: Giorgio Maffei.

QUANDO: dal 13 marzo 2014
OPENING: 13 marzo | 18,00
DOVE: CAMeC | p.zza Cesare Battisti 1, La Spezia | mappa

fotogramma da “Carta - Christoph Schifferli”, di Lele Marcojanni
fotogramma da “Carta – Christoph Schifferli”, di Lele Marcojanni
fotogramma da “Carta - Christoph Schifferli”, di Lele Marcojanni
fotogramma da “Carta – Christoph Schifferli”, di Lele Marcojanni
fotogramma da “Carta - Christoph Schifferli”, di Lele Marcojanni
fotogramma da “Carta – Christoph Schifferli”, di Lele Marcojanni
fotogramma da “Carta - Christoph Schifferli”, di Lele Marcojanni
fotogramma da “Carta – Christoph Schifferli”, di Lele Marcojanni
fotogramma da “Carta - Christoph Schifferli”, di Lele Marcojanni
fotogramma da “Carta – Christoph Schifferli”, di Lele Marcojanni
fotogramma da “Carta - Christoph Schifferli”, di Lele Marcojanni
fotogramma da “Carta – Christoph Schifferli”, di Lele Marcojanni
foto © Enrico Amici
veduta dell’allestimento | foto © Enrico Amici
foto © Enrico Amici
veduta dell’allestimento | foto © Enrico Amici
co-fondatore e direttore
Mostra Commenti (0)

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Un messaggio

Frizzifrizzi è sempre stato e sempre rimarrà gratuito. Si tratta di un progetto realizzato ogni giorno con amore e con impegno. La volontà è di continuare a farlo cercando di tenere al minimo la pubblicità. Per questo ti chiediamo una mano — se vorrai — con una piccola donazione. Potrai farla su PayPal.

GRAZIE DI CUORE.