Partecipa al Booktober. Dal 1º al 31 ottobre.

Le magie in carta della giovane designer Fideli Sundqvist

Un materiale semplice a cui tutti hanno accesso, un materiale che si fa trovare anche quando non ne siamo alla ricerca. Pensiamoci un attimo: flyer, pubblicità appoggiate distrattamente sui tavoli di bar o locali, listini, menù, tovaglioli. La carta è ovunque ed è più diffusa di quanto pensiamo. Iniziare a giocarci cercando di darle una forma ragionevole, cimentarsi in modo dilettantistico con la pratica dell’origami, è una scommessa in cui tutti primo poi ci impelaghiamo. Personalmente, ho raggiunto il massimo della mia soddisfazione quando sono riuscita nel fare una rana, un accrocchio di pieghe che in qualche modo saltava pure. Potete ben capire che espressione abbia fatto quando ho visto il portfolio di Fideli Sundqvist, illustratrice originaria di Stoccolma.

Nel 2011 Fideli, classe 1987, presenta il proprio progetto di laurea presso l’Università Konstfack di Stoccolma. Il progetto si chiama Tilly e Gul, è la storia di un bizzarro elefante e del suo fedele compagno di avventure color giallo. Nessuna parola ha accompagnato la storia in cellulosa dal momento che le immagini erano già sufficientemente esplicative.

fideli_00
fideli_01

Da allora Fideli si è guadagnata una buona visibilità in Svezia ed è considerata fa i più talentuosi artisti della zona. Ha lavorato per progetti di still life per alcune gallerie d’arte e riviste specializzate, ha collaborato nella fase di animazione per la televisione e preso parte alla campagnia pubblicitaria per Louis Vuitton.

Le sue creazioni di carta appaiono come dei veri e propri tableaux vivant, uno studio minuzioso in 3D dove l’arte della piega la fa da padrona e conferisce spessore nelle incursioni nella cucine locali e nella passeggiate per i centri d’arte e design della città.

fideli_02

Alcuni tecniche e consigli per rendere al meglio le creazioni a base di carta sono contenute nel nuovo libro di Fideli dal titolo I Love Paper e edito dal casa svedese Natur & Kultur. Il libro non dà nulla per scontato e parte da quelle che potrebbero essere considerate le basi, ossia le cinque forme principali la cui conoscenza è imprescindibile per le future aggregazioni. Procedendo, il tutorial si fa più complesso, le tecniche aumentano, per un percorso che copre verosimilmente la creazione di 40 forme diverse.
Chi lo avrebbe immaginato che da un semplice A3 potessero derivare così tante creazioni.

Curioso trovare nella fredda Svezia l’applicazione di una tecnica che vedremmo più a suo agio nell’oriente del Giappone, sta di fatto che la fantasia che muove le dita di Fideli è semplicemente incantevole.

Un messaggio

Frizzifrizzi è sempre stato e sempre rimarrà gratuito. Si tratta di un progetto realizzato ogni giorno con amore e con impegno. La volontà è di continuare a farlo cercando di tenere al minimo la pubblicità. Per questo ti chiediamo una mano — se vorrai — con una piccola donazione. Potrai farla su PayPal.

GRAZIE DI CUORE.