Passare ore davanti a cose belle e gratis? La nostra rubrica Tesori d'archivio è la soluzione.

7am | Annalisa Leoni

7 opere e 7 domande, alle 7 di mattina, ad illustratori che si svegliano presto o non sono ancora andati a dormire.
Oggi è la volta di Annalisa Leoni.

Ciao Annalisa, di dove sei, quanti anni hai e da quanto fai l’illustratrice?
Ciao, allora sono di Velletri, una città un po’ sconclusionata vicino Roma, ho 26 anni anche se ne dimostro 15 e faccio questo lavoro da 6 anni circa.

Matita o penna grafica?
Purtroppo negli ultimi anni ho sempre in mano la penna grafica, la porto e la lascio ovunque, comincia ad essere un problema.

Cosa fai quando non disegni?
Non molto purtroppo, lavoro praticamente tutto il giorno, tutti i giorni, la notte però, nonostante gli occhi crepati che supplicano per un po’ di riposo lontano dagli schermi, un’oretta la dedico sempre a qualche serie che sto seguendo al momento e puntualmente mi addormento nel mentre.

Cosa c’è sulla tua scrivania?
A parte il computer scalda pizzette e la Intuos… ci sono: una racchetta per le zanzare, una foto con mio nipote, matite e gomme sparse, una coroncina di carta che mi ha regalato la figlioletta di un caro amico, integratori vari, il mio santissimo HD esterno e dei calzini.

Un disegno pesa quanto…
… un etto e mezzo, che faccio lascio?

Un libro di cui vorresti illustrare la copertina e un film di cui vorresti fare il poster.
Per il quanto riguarda il libro Io sono leggenda di Richard Matheson e per il film è tosta, ce ne sono tanti che adoro e amo visivamente, sopratutto di fantascienza, ma te ne dico uno che non c’entra niente, cioè 500 days of Summer non perché sia il mio film preferito, ma perché ogni volta che ci penso nella mia testa si formano sempre tante possibili disegni e composizioni, a questo punto forse un giorno ci farò un’illustrazione.

Un illustratore o un’illustratrice che mi consiglieresti?
Isabella Mazzanti e Laura Iorio.

Altre storie
Slash: un libro dedicato all’arte del trasformare la carta