Nature: A little less conversation

Meno chiacchiere, diceva il Re. A little more action, please.
Ma se nel film di Elvis (come in ogni film di Elvis) ad esserci di mezzo era una ragazza—il pezzo prosegue invitandola a chiudere la bocca e ad aprire il suo cuore e, ovviamente arriva ad baby satisfy me a solleticare i non più così castigati istinti della gioventù degli anni ’60—nel nostro caso, quello di non sprecar parole e di passare all’azione, è un consiglio dal respiro ben più ampio.
C’è di mezzo la natura violata, ci sono di mezzo i discorsi sui massimi sistemi ed una considerazione: agire ora e subito, anche e soprattutto nel proprio piccolo, trasformando le parole in fatti.

E nel piccolo dei loro laboratori ed atelier Myriam B e Mario Salvucci sono effettivamente passati all’azione, realizzando in collaborazione tra loro una capsule collection di gioielli dedicata a fiori, piante e insetti.
Sei pezzi unici e fatti a mano, lavorati esclusivamente con materiale recuperato da due artisti-artigiani che dell’handmade e del riuso di tessuti e pietre (Myriam B) e metalli (Mario Salvucci) hanno fatto una propria poetica, oltre che una pratica virtuosa: due visioni e due stili differenti che però in Nature: A little less conversation, presentata ieri a Roma nell’atelier di Myriam B durante una serata-evento, riescono ad amalgamarsi perfettamente tanto da sembrare, nonostante gli elementi dell’una e dell’altro designer siano sempre riconoscibilissimi, molto più che la semplice somma di due menti e quattro mani.

co-fondatore e direttore

Commenta

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Altre storie
Il Segno della tua voce in un gioiello