A Lisbona per il test drive di nuova Citroën C4 Picasso

Una piacevole brezza soffia dall’oceano e rende questa calda giornata di metà giugno più sopportabile qui sulla riviera atlantica del Portogallo, e precisamente a Cascais, una delle località più conosciute della zona, a circa 25 km da Lisbona.
Proprio da Cascais, un ex villaggio di pescatori che mantiene intatta l’atmosfera delle antiche città portuali, ha inizio il test drive della nuova Citroën C4 Picasso, una monovolume inedita, che sorprende già al primo sguardo grazie ad un design accattivante, quasi sportivo, decisamente differente rispetto alle concorrenti di gamma.

Le fiancate scolpite regalano una sensazione di fluidità, ma a catturare ancora di più l’attenzione è lo spirito “Loft” con cui sono stati concepiti gli interni: il parabrezza panoramico e l’ampio tetto vetrato fanno si che l’abitacolo sia inondato di luce naturale, e la visuale durante la guida sia davvero completa a 360 gradi.
Molto curati anche i dettagli costruttivi, dai materiali di prima qualità, alle rifiniture interne ai sedili anteriori con funzione “massaggio”, per un’esperienza di guida davvero rilassante e confortevole.

Una volta acceso il motore mi rendo subito conto che la nuova C4 Picasso è estremamente silenzia e gradevole da guidare, e devo dire che le sinuose strade portoghesi, ricche di curve e tornanti, sono l’ideale per testarne agilità e tenuta di strada.

Dall’aeroporto di Lisbona a Cascais seguo un itinerario interno, che mi porta a Cabo da Roca, estremo punto occidentale dell’Europa, a picco sull’oceano Atlantico.
Un panorama mozzafiato, dominato da un vento impetuoso che rende difficile perfino camminare, ben descritto dalla poesia del poeta portoghese Camões incisa alla base della grande croce in pietra a ridosso dell’oceano: qui dove finisce la terra e incomincia il mare.

La prima giornata di test drive giunge quindi al termine, ma il giorno seguente mi aspetta una guida su strade cittadine, infatti costeggerò la costa che da Cascais mi riporterà a Lisbona, e per questo tipo di percorso è davvero utile l’aiuto dei due display posti sul cruscotto centrale, un’interfaccia di guida 100% digitale composta da un touch pad da 7″ e da un display panoramico da 12″ HD.
Grazie a questi strumenti, è possibile comandare tutte le funzioni del veicolo: navigazione, audio, telefono, musica e funzioni di assistenza alla guida…tutto a portata di dita.

Tra le trafficate strade di Lisbona, i semafori, i taxi ed i vecchi tram, la nuova C4 Picasso si destreggia con agilità, ed il peso contenuto offre una sensazione di estrema maneggevolezza.
Rispetto alla precedente generazione, infatti, l’auto è stata alleggerita di ben 140 Kg, e questo permette anche una notevole riduzione delle emissioni e dei consumi.

Citroën C4 Picasso sarà in commercio in Italia a partire da settembre, una monovolume spaziosa, adatta alle famiglie ma non solo, grazie ad un look forte ed espressivo, e ad una guida agile e piacevole sia sui lunghi percorsi che per gli spostamenti quotidiani da un capo all’altro della città.

Foto di Michela Balboni.

Altre storie
Italian Plates, le targhe italiane rivisitate da Giulia Zoavo